Home Attualità

Le previsioni che cambieranno il futuro dei social media nel 2018

CONDIVIDI

i social non rendono asocialiEcco come fonti esperte del settore si sono espresse sul futuro dei più conosciuti social media del momento per scoprire quali sono le novità che ci riservano per  il 2018.

Iniziamo col dire che il 2018 per i Social media si sta preannunciando piuttosto complicato, anche perché i mutamenti in corso sono molteplici, solo per fare alcuni esempi: la curva di crescita su Twitter è molto piatta, Pinterest  si sta evolvendo in piattaforma di vendita, i contenuti video stanno inondando sempre di più le reti e  gli utenti navigano sempre più dai loro dispositivi mobili …. I social media prendono coscienza di queste nuove tendenze e ci mostrano come  le affronteranno.

Tutte le novità dei social per il 2018

iSotck Photo

Pinterest: dall’ispirazione all’azione

Nel 2017, il sito Social Media Week pubblicò un articolo sul futuro di Pinterest sottolineando  questa frase: “Dall’ispirazione all’azione”. Nel 2018, l’azione si concretizza con  intelligenza ed efficienza e si basa sulla focalizzazione della ricerca visiva e delle parole chiave.

Kate Ahl,  Manager della Società di Pinterest Simple Pin Media,  in una recente intervista afferma che l’obiettivo di Pinterest è quello di migliorare la piattaforma rendendola una vetrina pubblicitaria per i grandi marchi e intende dunque spostare l’attenzione dei propri utenti dalla considerazione all’acquisto.

A ciò si è aggiunta la tendenza ad utilizzare il contenuto video nei pin in modo che i Community Manager e chiunque gestisca i social network possano vedere quale tipologia di video ottiene più visualizzazioni su questa piattaforma.

La crescita esponenziale degli annunci di LinkedIn

LinkedIn ha già più di 500 milioni di utenti mensili. La sua crescita è paragonata a quella che ebbe Snapchat nel 2016 e Instagram nel 2017. Azriel Ratz, CEO di Ratz Pack Media, afferma che per il 2018 LinkedIn progetta di lanciare annunci video, anche in questo caso la scelta di rafforzare la piattaforma sembra incentrarsi sullo sviluppo della rete pubblicitaria: LinkedIn Ads.

Questa novità è molto importante poiché sarebbe la prima volta per una piattaforma di business, avere pubblicità video.

 Snapchat : interfaccia ridisegnata, storie e nuovi proprietari

Carlos Gil è il vincitore del premio Snapchat Story teller. La sua previsione più audace per il 2018  a che fare con l’acquisto di Snapchat da parte di un grande gruppo di media come Disney o NBC Universal. Vedremo se ci riuscirà.

Nel 2017, aveva anche predetto che Snapchat  avrebbe dato agli utenti  la possibilità di fare video dal vivo. Ciò non è accaduto, ma è fermo nella sua convinzione: “nel 2018, potremmo vedere Snapchat Stories uscire dalla sua app mobile (simile a Facebook e Instagram Stories). Questa previsione sarà veritiera questa volta?

Potrebbe interessarti anche—>Vero: il nuovo social dalla parte degli utenti

Facebook si focalizzerà sui contenuti video

È facile predire le mosse strategiche di Facebook. Basta leggere i feed delle notizie: la maggior parte dei contenuti è audiovisiva. Nel 2017, Facebook ha lanciato il proprio servizio di video on demand: Facebook Watch (disponibile solo per gli utenti negli Stati Uniti).

Secondo Michael Stelzner, fondatore e CEO di Social Media Examiner, nel 2018, tale servizio verrà esteso a tutte le persone e le pagine di Facebook nel mondo.

Questo porterà  Facebook ad implementare nuove funzioni per i creatori di video, facilitando notevolmente la visibilità di marchi. Ciò include, secondo Michael Stelzner, “accordi televisivi tradizionali o addirittura l’avvio della propria rete televisiva via cavo“, facebook-watch.

social mediaRetargeting come tecnica chiave per tutti

La previsione è questa: i marchi dovranno creare strategie più efficaci nei loro social network per ciò che riguarda l’esperienza del cliente con i marchi (“Percorso del cliente”) per ottenere risultati migliori nel “viaggio” del cliente (cioè, dal percorso che il cliente fa da quando entra in contatto con il marchio).

Jason Van Orden ,consulente di strategie di marketing, è l’autore di questa affermazione. Di fatto il costo per l’ acquisizione di clienti potenziali e nuovi sta aumentando. Quindi la cosa più conveniente è ottimizzare ogni azione eseguita dal cliente e fare un follow-up automatico della loro relazione con il marchio.

Indubbiamente, non è lo stesso vendere un prodotto o un servizio a qualcuno che ha già visitato il sito Web e che stava addirittura acquistando un prodotto, rispetto a qualcuno che non ha mai mostrato interesse per il marchio. Le tecniche di retargeting consentono alle aziende di visualizzare i loro messaggi al momento giusto e nell’ordine corretto. Non sarà più solo questione di catturare attraverso l’email marketing ma attraverso pubblicità perfettamente segmentate.

Potrebbe interessarti anche—>L’Unione Europea vieta Facebook e gli altri social media ai minori di 16 anni

I brand indirizzeranno i loro sforzi su YouTube per generare lead

Questa previsione è correlata al punto precedente. L’aumento dei costi pubblicitari su Facebook e Instagram farà sì che i marchi indirizzino i loro sforzi ad altre piattaforme di contenuti. YouTube è uno dei più promettenti inquesto senso secondo il parere di Sunny Lenarduzzi, stratega dei social media, business online e creazione di contenuti video.

Indubbiamente, YouTube Marketing è una risorsa inesplorata nella sua interezza per quanto riguarda l’attrazione di potenziali clienti o potenziali acquirenti.  Da tempo ha smesso di essere un luogo in cui ospitare i video,  è molto più di questo: è un sito per connettersi con il pubblico e generare collegamenti a lungo termine (senza la necessità di pagare per la pubblicità). E questo è da non sottovalutare!

Twitter: tra essere e non essere

Mark Schaefer è un importante consulente in Marketing. Secondo la sua previsione, Twitter rinascerà, sarà trasformato e giocherà un ruolo essenziale nel campo del Marketing. Quali sono le ragioni? Secondo le affermazioni di questo esperto, ci sono alcuni segnali positivi nella crescita degli utenti e del reddito di Twitter.

Inoltre, ha un pubblico massiccio e impegnato di circa 330 milioni di persone che colloca Twitter come la papabile piattaforma pubblicitaria alternativa a Facebook, Instagram e Adwords.

Ora, questa è una previsione. Ma non è l’unica. Ci sono anche quelli che hanno previsto per Twitter un futuro non altrettanto roseo. Su Forbes, Mark Gale, anche lui specialista in comunicazione strategica e marketing, sottolinea chiaramente che Twitter non è il futuro del marketing.

Le ragioni per le quali afferma ciò sono ovvie: Twitter ha una curva di crescita molto piatta.

Non è più una fonte di notizie istantanee. Attualmente ci sono altri modi per scoprire rapidamente quali sono gli eventi della giornata. Con la possibilità di creare gruppi su Facebook (oltre ad altre opzioni su altre piattaforme), molte  “tribù” hanno lasciato Twitter.

Mark Gale si afferma: “Come imprenditore, il valore personale che Twitter mi dà continua a diminuire. Il dominio delle celebrità ha reso Twitter più un megafono per le celebrità e meno utile come strumento di informazione e comunicazione. Twitter una volta mi ha collegato direttamente con i miei colleghi e con informazioni che non sono riuscito ad ottenere da nessun’altra parte. Non lo fa più.”

Instagram diventerà la piattaforma prediletta dai marchi

Questa predizione non è il prodotto dell’intuizione. Le statistiche la supportano, afferma Brooke B. Sellas, direttore esecutivo di B Squared Media, un’agenzia di marketing e pubblicità per social media. A luglio del 2017, 15 milioni di aziende utilizzavano Instagram. Questo numero rappresenta quasi il doppio di quelli che hanno utilizzato Instagram a marzo 2017 (8 milioni). In termini di pubblicità, Instagram si sta preparando a essere una piattaforma di scelta per le aziende e per gli inserzionisti. Anche se non sarà in grado di sostituire Facebook a breve termine, si posizionerà come uno spazio importante per avvicinarsi al pubblico e ottenere una consapevolezza del marchio sempre più efficace.

Il contenuto video sarà il re

iStock photo

Carmen Collins è il leader dei social media della famosa agenzia Cisco.  È in grado di predire qualcosa che ci ritroviamo a vivere ogni giorno. Alla luce della domanda: come cambieranno i social media nel 2018? Risponde: “Video in diretta, video prodotto, video Snapchat, video Instagram e video YouTube.”

I video stanno invadendo tutti i social network. In effetti, le “Storie” nascono dalla domanda delle persone di essere in grado di condividere la loro vita con video brevi e semplici. Per i marchi, non sarà sufficiente creare un video. Devono anche pubblicare quel contenuto audiovisivo nella maggior parte dei canali per ottenere la massima esposizione.

Il trionfo dei marchi dipenderà dalla creazione di comunità autentiche

Al di là della spesa pubblicitaria, la vera forza dei marchi risiede nella loro capacità di creare comunità reali e di autentica fiducia. Non sarà sufficiente promuovere contenuti e spendere soldi se quel prodotto non raggiunge il cuore del pubblico.

Questo è ciò che afferma Cassie Roma, General Manager del content marketing di New Zealand Media & Entertainment. In relazione a questo e in base alla loro previsione, nel 2018 i canali social di successo saranno quelli che focalizzeranno l’attenzione sui contenuti che i loro utenti vedranno invece di concentrarsi sugli annunci.

Ogni giorno che passa gli utenti sono meno esperti di marketing e cercano di impegnarsi in conversazioni più reali e approfondite con i marchi. Facebook è già al corrente di queste notizie. Mark Zuckerberg ha annunciato alla fine dell’anno che il suo obiettivo  è ‘aggiustare Facebook’:

“Una delle nostre principali aree di interesse per il 2018 è quella di assicurarci che il tempo che trascorriamo tutti su Facebook sia un tempo ben speso […] Sto cambiando l’obiettivo che rivolgo ai nostri team indicando che dovrebbero concentrarsi sull’aiutare a trovare il contenuto pertinente in modo da poter avere più interazioni sociali significative “.