22 September 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

IL LEADER DEI RADIOHEAD si scaglia contro Spotify

Spotify fa male alla musica: Thom York cancella i brani da Spotify - Spotify lo conoscerete tutti o, almeno, lo avrete sentito nominare: si tratta di un servizio di musica in streaming con oltre 24 milioni di utenti attivi e vari

Spotify fa male alla musica: Thom York cancella i brani da Spotify - Spotify lo conoscerete tutti o, almeno, lo avrete sentito nominare: si tratta di un servizio di musica in streaming con oltre 24 milioni di utenti attivi e vari milioni di utenti abbonati.
Un programma di grande successo insomma ma che ha iniziato a creare un po' di polemiche.
Thom Yorke infatti, il cantante leader dei Radiohead, ha tolto tutti i suoi brani da Spotify. Cancellati tutti i suoi pezzi insomma e il motivo è stato spiegato tramite un tweet.
Yorke ha riscritto un "cinguettio" del produttore Nigel Godrich, che collabora con Yorke da anni e, con lui, è impegnato nel progetto degli Atoms For Peace: "E' un piccolo gesto di ribellione, ma andava fatto.
Spotify fa male alla musica".
L'azienda svedese infatti verserebbe pochissimi compensi agli autori delle canzoni che girano sul programma, da qui la protesta.
Prosegue poi la polemica su Twitter con Yorke che scrive: “I giovani musicisti non vengono pagati su Spotify, mentre gli azionisti ci sguazzano dentro”.  

Articoli Correlati