Il massaggio (intimo) con il quale far impazzire il tuo partner: ecco il massaggio lingam!

Oggi parliamo di massaggio lingam: ecco che cos’è questo tipo di massaggio con il quale puoi riscaldare l’atmosfera in camera da letto!

massaggio lingam
(fonte: Pexels)

Hai mai sentito parlare di questo tipo di massaggio?

Con ogni probabilità si tratta di una tecnica di cui non hai ancora mai sentito neanche il nome ma che può regalarti grandi soddisfazioni (ehm, no, non è una battuta a doppio senso).

Ecco che cos’è e come puoi provare ad integrarla nella tua vita intima.

Massaggio lingam: ecco come funziona e a cosa serve

Durante gli anni ’90 ed i primi anni 2000 e soprattutto grazie alla fama sconfinata regalatagli da Sting, tutti parlavano del “tantra“.
La parola “tantra” deriva dal sanscrito ed in breve tempo, almeno in Occidente, è arrivata a simboleggiare un certo tipo di pratiche intime.

Di certo non possiamo considerarci esperti di una pratica che è secolare ed ha alle spalle anni ed anni di storia.
Quello che possiamo fare, con rispetto, è guardare a questo nuovo modo di approcciare all’intimità che, sicuramente, può aiutarci a risolvere molti dei problemi che incontriamo sotto le lenzuola.

Se ti è capitato, purtroppo, di sperimentare una certa noia sotto le lenzuola il massaggio lingam potrebbe essere la soluzione per te e per il tuo partner.
Certo, non esiste solo la versionemaschile” di questo massaggio ma anche quella femminile che si chiama Yoni Massage: noi te ne abbiamo già parlato qui.

Ma esploriamo meglio il massaggio lingam: di che cosa si tratta?

Il massaggio lingam è una pratica derivante dalla tradizione indiana (per l’appunto) che serve a mettere al primo posto… la sensualità!
Non va confuso con un “semplice” massaggio genitale e non ha come obiettivo (almeno all’inizio) quello di far raggiungere al partner l’orgasmo.
Certo, arrivare a provare il massimo del piacere è sempre auspicabile: ma il massaggio lingam ci spiega che non è tutto nella vita!

LEGGI ANCHE –> Cinque maniere per accendere l’eccitazione femminile: scopriamoli subito

L’idea è quella di massaggiare tutte le parti dei genitali del tuo compagno, partendo dalle cosce (o da più lontano, se vuoi).
Invece di partire concentrandoti immediatamente sul pene (o “bastone di luce” come recita la traduzione della parola lingam) l’idea è quella di “risvegliarlo” man mano.
Puoi usare un gel riscaldante (oppure anche il lubrificante: finalmente abbiamo parlato di questo strumento qui) e fare il massaggio con calma.

Calibra i tuoi movimenti e le tue sensazioni sulle reazioni del tuo compagno e occupati di massaggiare tutte le parti intorno all’aerea genitale.
Passa, poi, a toccare i testicoli ed il pube, sempre delicatamente e facendoti guidare dal partner.
Insomma, trasforma il massaggio in una vera e propria attesa, che farà letteralmente impazzire il tuo compagno!

La tecnica ricorda, per grandi linee, l’edging, di cui ti abbiamo parlato qui.
Il focus, questa volta, non è sul raggiungimento del piacere massimo ma sull’idea che tutto il corpo viene risvegliato e toccato!
Quando arriverai a toccare il pene del tuo compagno, infatti, non lasciarti andare immediatamente ai movimenti classici della masturbazione.

Prova a variare con tocchi differenti, muovendo le dita in modo circolare e senza preoccuparti di arrivare ad un risultato.
Insomma, non si tratta delsolitoapproccio ma di un procedimento lento e ben calibrato, studiato a fondo
A quanto pare, poi, i benefici del massaggio lingam sono innumerevoli!

Liberandosi dall’approccio meccanico, con il quale ci avviniamo spesso al corpo del partner, dovremmo riuscire a far rilasciare al nostro compagno tensioni ed ansie.
Il massaggio aiuterebbe il partner a concentrarsi solo su quanto sta accadendo tra di voi, senza lasciare che il rapporto venga “rovinato” da altri pensieri.

Insomma, il piacere dura più a lungo ed è anche più intenso: non sembra male, vero?

massaggio lingam
(fonte: Pexels)

Adesso che hai sentito parlare abbastanza a lungo del massaggio lingam forse ti è venuta voglia di provare.

Che ne dici?

Leggete insieme l’articolo e poi… datevi da fare (con calma)!

Da leggere