Vaccinazione Covid. La strategia di Bertolaso per accelerare i tempi

Vaccinazione Covid in Lombardia. Guido Bertolaso ha un piano per fare in fretta e chiudere tutto entro la fine di giugno 2021

Guido Bertolaso
(Getty Images)

Vaccinazione Covid: nonostante i ritardi, prima di Pfizer e poi di AstraZeneca, l’Italia si piazza ad una buona posizione nella classifica europea. “In questo momento – ha spiegato il ministro Francesco Bocciasiamo il secondo Paese in Europa, dopo la Germania, per le somministrazioni di vaccini effettuate, pari a 2.555.524 di dosi. Sono 1.130.345 le persone vaccinate definitivamente con il richiamo”.

Nonostante lo slittamento di un mese, a causa dei ritardi nelle consegne su scala nazionale, da ieri è partita la fase-2 che prevede la vaccinazione degli over 80. Sono già attivi i portali regionali per le prenotazioni online. La strada è ancora tutta in salita. E’ ancora lontana l’immunità di gregge, che potrà essere raggiunta soltanto quando sarà stato vaccinato il 70% della popolazione.

Il ritmo comunque è buono e la campagna di sensibilizzazione ai vaccini anti-Covid coinvolge sempre più anche i social media. E’ una corsa contro il tempo perché il Paese deve ripartire, anche economicamente. Sono ore convulse per la politica italiana, con Mario Draghi alle prese con la formazione di un nuovo esecutivo.

Per coordinare la vaccinazione Covid la Lombardia ha voluto Guido Bertolaso. L’ex numero uno della Protezione Civile punta a velocizzare e si è prefissato un obiettivo preciso. Ecco qual è.

Vaccinazione Covid. Bertolaso vuole finire entro giugno

Guido Bertolaso
(Getty Images)

Guido Bertolaso ha le idee chiare e vuole mantenere la sua promessa: vaccinare tutti i lombardi entro giugno 2021. Una sfida difficile ma non impossibile per l’ ‘uomo delle emergenze’ che punta ad incrementare il ritmo delle somministrazioni.

La sua strategia è quella di accelerare i tempi, vaccinando una persona in soli sette minuti. Questo sarà possibile impiegando: meno di due minuti per l’accettazione, tre per l’anamnesi, due o al massimo tre per la somministrazione del farmaco, al netto degli intervalli dovuti. Infine 15 minuti saranno dedicati al monitoraggio del paziente.

Quella di Bertolaso è una staffetta in piena regola, già collaudata per le somministrazioni effettuate lo scorso weekend negli spazi della Fiera Portello, adibiti ad ospedale già  durante la prima ondata Covid. Stando a quanto riporta Il Giorno, in un solo fine settimana è stata somministrata la seconda dose di richiamo ai 2.360 operatori sanitari dell’Areu (Azienda regionale emergenza urgenza). La prima somministrazione dell’antidoto Pfizer l’avevano ricevuta tra il 16 e il 17 gennaio.

vaccini
(Getty Images)

Per Guido Bertolaso la parola d’ordine è velocità. Entro fine giugno 2021 punta a vaccinare 6,6 milioni di lombardi.