Coronavirus | L’allarme dell’OMS sul bilancio chock dei morti

0
16

Il bilancio catastrofico dei morti nel mondo per infezione da Coronavirus è pari a 1.016 | Oltre 42.600 i contagiati in Cina, l’OMS dichiara: “E’ allarme”

Coronavirus controlli con termoscanner a fiumicino
Coronavirus il bilancio chock dei morti Fonte foto: Istock

Il bilancio delle morti nel mondo da infezione da Coronavirus è catastrofico. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha stilato una statistica internazionale riguardante i decessi inerenti il virus Coronavirus. Pare che le vittime siano 1.016  con oltre 42.638 contagiati in Cina e con quasi 2.500 nuovi casi segnalati. Lo ha comunicato il governo cinese, che ha portato a 108 i nuovi decessi per il virus, 103 nella sola provincia di Hubei: la più colpita. La triste conta delle vittime a livello nazionale è di 1.016 morti. L’OMS ha dichiarato che c’è un vero e proprio allarme mondiale.

Scopriamo di più sulla triste vicenda che sta complendo il mondo e cosa si sta facendo a riguardo per arginare il virus sia all’estero che in Italia.

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus | Ragazzi cinesi aggrediti a Roma: “Portate la malattia” – VIDEO

Coronavirus | La Cina sperimenta un vaccino sui topi

coronavirus
coronavirus il bilancio dell’OMS (Istock)

Siamo ormai abituati alla parola “Coronavirus”, centro d’interesse di agenzie nazionali e mondiali d’informazione e medicina. Conosciamo, parzialmente il virus, come può essere trasmesso e come si evolve. Dopo le recenti scoperte in campo scientifico e medico su come debellare il virus, ora sembra che il governo cinese stia sperimentando un vaccino sui topi.

Infatti, è proprio la Cina ad aver iniziato la sperimentazione sui topi di un primo possibile vaccino contro il nuovo coronavirus 2019-nCov.  A darne notizia è l’agenzia cinese Xinuha citando il portale locale yicai.com che riporta varie fonti del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC). “Alcuni campioni del possibile vaccino sono stati iniettati ieri a oltre 100 topi“, si legge, ricordando che “i test sugli animali avvengono in una fase molto precoce dello sviluppo di un vaccino e che ancora molti passi dovranno essere fatti prima che sia pronto per la somministrazione agli esseri umani”.

Il vaccino, basato su molecole di RNA messaggero (mRNA), è stato sviluppato in collaborazione tra la Scuola di Medicina della Tongji University, la società Stermirna Therapeutics Co. Ltd., entrambe con sede a Shanghai, e il CDC cinese. Secondo il portale Yicai.com, “alcuni campioni di questo vaccino sono stati iniettati in oltre 100 cavie”.

La fase di sperimentazione di un possibile vaccino sugli animali è cominciata a sole due settimane dall’isolamento da parte del CDC del primo ceppo del nuovo coronavirus, avvenuto il 24 gennaio. Un funzionario del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie ha però messo in guardia sul fatto che i test condotti sugli animali avvengono in una fase molto precoce dello sviluppo di un vaccino e che ancora molti passi dovranno essere compiuti prima che questo sia pronto per la somministrazione agli esseri umani.

La sperimentazione sui topi rappresenta infatti soltanto uno screening iniziale di un possibile vaccino. Secondo il portale yicai.com, che cita un ricercatore della Tongji University, sono previsti ulteriori test di tossicità su animali di maggiori dimensioni, come le scimmie, per garantire la sicurezza del vaccino negli studi clinici sugli esseri umani.

E intanto il numero di vittime, secondo le autorità, è arrivato a 1.011, dopo che nella provincia di Huberi, epicentro del virus, sono morte altre 103 persone. Secondo la commissione sanitaria di Hubei inoltre, vi sono altri 2.097 casi di contagio di coronavirus.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Coronavirus | La situazione in Italia e il nuovo caso ad Olbia

coronavirus
coronavirus l’allarme dell’oms sulle morti (Istock)

In Italia, intanto, si sono aggravate le condizioni di salute di uno dei coniugi di Olbia (Sardegna) segnalati come sospetti casi di coronavirus. L’uomo della coppia presenta febbre a 39 e tosse molto forte, così l’Unità di crisi locale ha deciso per il suo trasferimento nel reparto Malattie infettive dell’ospedale San Francesco di Nuoro, dove è disponibile una stanza di isolamento a pressione negativa. Nel frattempo, il personale del 118 sta portando i tamponi per i prelievi a Olbia, nella casa dove la coppia è in isolamento da venerdì. I tamponi saranno poi trasferiti a Cagliari per le analisi. L’uomo sarà trasportato con una barella a contenimento biologico e un’ambulanza del 118 fino al San Francesco. La donna, che presenta una lieve febbre, è sotto osservazione nella sua casa di Olbia.

Mentre, per quanto riguarda il caso del ragazzo italiano fermato a Whuan (Niccolò) e non fatto rientrare in Italia per “sospetto contagio”, stamani il ministro degli esteri Di Maio ha dichiarato che:“in queste ore sta per partire un aereo militare italiano per andare a prelevare Niccolò”. Il blocco dei voli diretti fra Italia e Cina “resterà fino a quando la comunità scientifica ci dirà che c’è un rallentamento dei contagi” di coronavirus: ha comunicato il ministro degli esteri, Luigi Di Maio, parlando ai giornalisti a Belgrado, specificando comunque che: “In ogni caso continueremo a supportare in ogni modo i nostri connazionali in Cina”.

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus | gatti e cani gettati dalle finestre per psicosi di contagio

I numeri dello Spallanzani di Roma sui contagi da Coronavirus

coronavirus
coronavirus l’allarme dell’oms sulle morti (Istock)

Lo Spallanzani di Roma comunica che, per la coppia di bambini provenienti dalla Cecchignola e sospettati di contagio da Coronavirus, al secondo test effettuato presso l’Inmi Spallanzani, questo è risultato negativo al 2019-nCoV. E’ stato dunque predisposto il rientro alla Cecchignola con un mezzo dell’Ares 118 e d’intesa con l’Autorità sanitaria militare per completare il periodo di sorveglianza.  A quanto si è appreso è tornata alla Cecchignola anche la donna italiana che era stata portata allo Spallanzani perché affetta da congiuntivite. Anche su di lei il test ha avuto esito negativo.

Mentre, il caso della coppia di Whuan attualmente infetta da Coronavirus è ancora in terapia intensiva presso lo Spallanzani di Roma e le loro condizioni cliniche sono stazionarie, con parametri emodinamici stabili. Si continua, così, il trattamento antivirale. La prognosi è tuttora riservata.

La direzione dello’Ospedale Spallanzani di Roma dirama un bilancio in merito alla situazione da contagio da Coronavirus riferendo che, ad oggi, sono stati valutati:

  • 53 pazienti sottoposti a test per la ricerca del nuovo coronavirus.
  • 38 (dei 53) sono risultati negativi al test, e dunque sono stati dimessi.
  • 15 pazienti sono tuttora ricoverati
  • 3 sono casi confermati (la coppia cinese attualmente in terapia intensiva ed il giovane proveniente dal sito della Cecchignola),
  • 10 sono pazienti sottoposti a test per la ricerca del nuovo coronavirus in attesa di risultato,
  • 2 sono pazienti che, risultati negativi al test per nuovo coronavirus, rimangono comunque ricoverati per altri motivi clinici.

Emergenza Coronavirus | Le decisioni del Governo Italiano

coronavirus stop aerei
coronavirus l’allarme dell’oms sui morti (Istock)

Il Premier Conte, in coordinazione gli esponenti del Governo per l’emergenza coronavirus, ha disposto un vertice a Palazzo Chigi dichiarando:  “Il Governo continuerà a perseguire una linea di massima precauzione con l’obiettivo prioritario di assicurare la tutela della salute di tutti i cittadini, come fatto fino ad ora con tutte le misure già assunte”.

Ai passeggeri in arrivo negli aeroporti italiani con un volo da Roma verranno applicate le procedure sanitarie per prevenire il contagio del coronavirus, già in vigore per i voli internazionali. La misura è stata decisa dal Comitato operativo della Protezione Civile per risolvere un problema: “chi arriva a Roma con un volo internazionale e poi prosegue per una destinazione italiana, rimanendo di fatto nell’area transiti dell’aeroporto di Fiumicino, non viene sottoposto ai controlli” – questa la decisione presa dal Governo in materia di prevenzione.

Il direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus ha dichiarato: “I casi di coronavirus, la cui trasmissione è confermata come avvenuta da persone che non hanno viaggiato di recente in Cina, potrebbero essere “la punta dell’iceberg”. Intanto, l’OMS ha fatto sapere che una “missione di esperti internazionali” è partita per la Cina per aiutare il coordinamento della risposta dell’epidemia in corso. In un tweet, il direttore dell’OMS ha messo in guardia dichiarando:

“Ci sono stati alcuni casi preoccupanti sulla diffusione del 2019nCoV da persone che non hanno fatto viaggi in Cina”

Ghebreyesus non ha escluso la possibilità che ci possa essere un’accelerazione dell’epidemia che ha infettato più di 40.000 persone aggiungendo anche che l’obiettivo dell’OMS è quello di contenere l’epidemia.

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus | Morto il Dottor Lì: il medico che lo scoprì – VIDEO

Coronavirus | Allarme contagio da superfici infette fino a 9 giorni

analisi laboratorio
coronavirus allarme dell’oms (Istock)

Si è fatto ulteriormente luce sul possibile contagio da superfici infette da coronavirus. A spiegarlo è uno studio scientifico che ha dimostrato che il coronavirus può rimanere infettivo sulle superfici degli oggetti a temperatura ambiente fino a 9 giorni. La nota positiva è che esso non risulta essere molto resistente e bastano detergenti a base di candeggina o disinfettanti a base di alcol o acqua ossigenata per ucciderlo.

Il periodo di incubazione del coronavirus potrebbe estendersi fino a 24 giorni, 10 in più di quanto indicato fino ad ora. Lo riporta il britannico Independent citando uno studio di ricercatori cinesi.

Sale a 902 il numero dei morti per il coronavirus. Il numero delle vittime ha superato ormai anche quello delle vittime della Sars in tutto il mondo nel 2002-2003.

Sono invece 60 i nuovi casi sulla Diamond Princess. Intanto in Cina si torna a scuola e al lavoro. Mentre sono rientrati a Roma gli 8 italiani da Wuhan, fra loro anche 2 neonati.

coronavirus
coronavirus allarme dell’oms sulle morti (Istock)

Intanto Airbnb ha sospeso tutte le prenotazioni a Pechino dal 7 al 29 febbraio. Lo riporta la Cnn. “Risarciremo e daremo sostegno a tutti i clienti cui sono state cancellate le prenotazioni”, ha dichiarato la società in una nota resa pubblica.

(Fonte: Ansa.it)