Home Attualità

Scienza contro Grey’s Anatomy: false aspettative di guarigione

CONDIVIDI

grey's anatomy

Grey’s Anatomy, il famoso telefilm entrato nel cuore di milioni di telespettatori, si trova al centro di una curiosa vicenda. Alcuni scienziati, infatti, hanno mosso delle accuse importanti contro il telefilm, reo di dare false aspettative di guarigione ai telespettatori, portando un’immagine errata di quanto avviene effettivamente in un ospedale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Grey’s Anatomy: 5 momenti in cui Shonda Rhimes ci ha fatto piangere tutte

Grey’s Anatomy, accusato da medici e scienziati

A confermare il tutto c’è un studio condotto da Dignity Health St. Joseph’s Hospital and Medical Center di Phoenix, dove sono stati incrociati e messi a confronto i casi medici mostrati nell’arco di 12 stagioni della serie Tv americana con altri simili e realmente accaduti.
Da ciò è emersa una forte discrepanza tra fiction e realtà. I feriti gravi, ad esempio, in Grey’s Anatomy trascorrono pochissimi giorni in ospedale mentre i malati del mondo reale ci passano almeno il doppio del tempo. Al contrario, il tasso di mortalità risulta molto più alto nel telefilm che nella vita reale.
Secondo lo studio, pubblicato su Trauma surgery & Acute care open, Grey’s Anatomy, così come altre serie tv del passato, creerebbe nei telespettatori delle false aspettative che portano poi ad uno scarso gradimento delle prestazioni sanitarie che ricevono nella realtà. Un problema al quale si unisce anche una percezione errata della vita che i medici conducono in ospedale e che è meno coinvolgente e caotica rispetto a come viene mostrata in tv dove, per esigenze di trama, è necessario ravvivare ogni singolo momento inserendo fatti personali o casi clinici davvero rari e a volte al limite del bizzarro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Diciottenne salva padre da infarto: “ho fatto come in Grey’s Anatomy”

I fan di Grey’s Anatomy sono quindi avvisati. Va bene seguire la serie tv e restare coinvolti dalla vita di medici e pazienti ma il tutto va fatto con la consapevolezza che per quanto realistici i casi clinici sono spesso esasperati e fatti evolvere secondo le esigenze della trama.