Home Social

Michelle Hunziker choc: “Ho sporto querela per questa polemica che mi ha ferito”

CONDIVIDI

michelle hunziker

Michelle Hunziker è la vera regina del Festival di Sanremo 2018. Claudio Baglioni ha affidato a lei le redini del Teatro Ariston e su quel palco, oltre a condurre, porta avanti la sua battaglia contro la violenza sulle donne non rinunciando allo show. Nelle prime tre serate del Festival, infatti, la Hunzier ha cantato e ballato dimostrando di essere una showgirl a tutti gli effetti. Felice del momento personale e professionale che sta vivendo, la regina di Sanremo 2018 ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni de La Stampa.

LO SFOGO DI MICHELLE HUNZIKER

La vita di Michelle Hunziker è ricca d’amore. Si parte da quello per Tomaso Trussardi che le ha donato le sue bambine Sole e Celeste. “Da quando siamo sposati (matrimonio nel 2014) stiamo insieme praticamente 24 ore al giorno, con Sole, Celeste e Aurora. Viviamo in simbiosi e ci piace. Immagini cosa significhi per noi stare distanti dieci giorni. Amo Tomaso così tanto che mi emoziona anche solo raccontarlo“. L’altro grande amore della Hunziker è la primogenita Aurora, nata dal matrimonio con Eros Ramazzotti: “In Aurora vedo talento. Auri è diventata una videomaker con i fiocchi. Gira e monta da sola. Spero che in un futuro ci sia spazio per lei in tv: c’è bisogno di nuove generazioni di ragazzi di talento“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE—Festival di Sanremo 2018: siparietto ‘bollente’ tra Hunziker e Favino

Dopo Sanremo 2018, per Michelle Hunziker comincerà una nuova avventura professionale. Tornerà, infatti, in tv con un nuovo programma in prima serata che andrà in onda a maggio, ma di cui non può ancora dire nulla. Infine, ai microfoni de La Stampa, ha parlato della sua associazione Doppia difesa che lavora per difendere le donne dalla violenza e che ha subito un duro attacco negli ultimi giorni: “Abbiamo sporto querela. La polemica ci ha ferito, non abbiamo capito perché ci fosse tutto questo livore nei nostri confronti. Il nostro non è un numero verde e quando riceviamo le mail di chi ci chiede aiuto rispondiamo in un tempo massimo di due giorni. Questa storia ci distrae dal compito più importante, aiutare le persone“.

VIDEO NEWSLETTER