Home Dieta e Alimentazione

Giornata nazionale contro lo spreco alimentare: si tende a gettare via soprattutto lo yogurt

CONDIVIDI

Riguardo la giornata nazionale contro lo spreco alimentare, secondo un dato che emerge da uno studio commissionato dalla Coldiretti Puglia, gli abitanti della regione tendono a gettare via soprattutto lo yogurt per quanto riguarda i cibi che raggiungono la data di scadenza indicata sulla confezione.

Sono state prese in analisi 150 famiglie, le quali hanno fornito le abitudini debitamente annotate su un apposito foglio nel quale veniva presa nota di ogni comportamento attuato in materia.

In particolare era stato richiesto loro di segnare quando il cibo scaduto od in procinto di scadere veniva gettato nella spazzatura, in quale quantità e di quale genere fosse.

VIDEO NEWSLETTER

Da questo studio riguardo la giornata nazionale contro lo spreco alimentare è emerso che a prevalere è stato proprio lo yogurt, seguito da pasta, pane, da salumi di vario tipo, poi da verdura, frutta e pesce.

Ci sono anche dei giorni in particolare nei quali il cibo considerato non più buono viene buttato via: sono in particolare il lunedì ed il giovedì, e questo con tutta probabilità è dovuto al calendario della raccolta differenziata. Anche gli alimenti cotti e non consumati vengono riposti nell’immondizia. Tutti questi risultati sono venuti fuori dopo tre settimane di osservazione ed allo studio hanno partecipato anche ‘Campagna Amica’ e l’Istituto Pugliese per il Consumo.

In totale è stato stimato che ad essere finito nei sacchetti dell’organico sono stati all’incirca 25 chili di cibo, ma ogni anno questa misura tocca le 310mila tonnellate, considerando tutti gli abitanti della Puglia. “Con questo studio – afferma il presidente di Coldiretti Puglia, Giovanni Cantele – vogliamo sensibilizzare i nostri corregionali a scegliere un comportamento più virtuoso nell’acquisto e nel consumo di cibo. Intendiamo ridurre gli sprechi per quanto possibile e magari anche incentivare soluzioni quali le donazioni ai più bisognosi, anziché prendere e buttare tutto nell’immondizia”. Gli fa eco il direttore Angelo Corsetti: “Per diversi motivi i prodotti della terra ed altro cibo non vengono considerati buoni, magari perché l’azione degli agenti atmosferici piò averli intaccati anche di un minimo esteriormente. Invece non a coso, si tratta di beni consumabili normalmente a tavola e gettarli via è un peccato”. Tutto ciò è stato fatto in occasione della giornata nazionale contro lo spreco alimentare. E nella fattispecie dello yogurt se ne ricordano anche gli usi diversi che è possibile mettere in pratica qualora non dovesse essere più buono dal punto di vista alimentare. Con lo stesso si possono lucidare l’ottone od altri materiali ed anche approntare una comoda crema di bellezza fatta in casa.