24 September 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

GOVERNO MONTI: RIFORMA PENSIONI PRONTA

GOVERNO MONTI, RIFORMA PENSIONI - Il governo Monti si trova ad affrontare il primo scoglio, le pensioni. Contributivo per tutti: tenendo presente la riforma Dini del 1995, i versamenti saranno calcolati con il metodo

GOVERNO MONTI, RIFORMA PENSIONI - Il governo Monti si trova ad affrontare il primo scoglio, le pensioni. Contributivo per tutti: tenendo presente la riforma Dini del 1995, i versamenti saranno calcolati con il metodo contributivo meno vantaggioso, per ragioni di equità.
Escluse le casse professionali. Metodo pro-rata: ossia per i versamenti futuri a partire dal 2012, quindi riguarderà una minoranza di lavoratori anziani. Pareri contrastanti che trovano i sindacati contrari all’innalzamento dei contributi, assieme al ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera, dichiarando che il rischio di recessione dell’Italia è imminente ed è dovuto alla cattiva gestione di altri Paesi e altri organismi.
Passera condivide le proposte avanzate dalla Confcommercio, che vanno dalla produttività dei servizi al rilancio e semplificazione del turismo. Inoltre fa notare che il divario nel nostro Paese tra nord e Sud è sempre più grande e che sarebbe importante cercare di recuperare tutte le risorse possibili, definendo l’inesistenza di una strategia comune, il problema principale. Dall’altro canto il ministro del Lavoro Elsa Fornero assicura che, le misure relative al metodo contributivo pro-rata nel sistema pensionistico, avranno delle eccezioni fatte per dare di più a chi non ce l’ha fatta.
Lunedì verranno presentate al Cdm assieme al pacchetto inerente al reddito minimo. Fornero si è detta pronta al dialogo e ha precisato che inizierà a lavorare per migliorare il mercato del lavoro per giovani e donne, aiutando i precari e i lavoratori più svantaggiati con possibilità di lavoro vero, accelerando anche le vie di adeguamento sull’età delle donne, adottate nel governo precedente e che ora non sono più consentite. Ora la riforma pensionistica è pronta bisogna solo accelerarla.

Articoli Correlati