23 September 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

EVENTI: L’art-jazz visionario del Pollock Project a Francavilla per Oktopus

Oggi,?4 luglio, Pollock Project sar? al Museo Michetti di Francavlilla al Mare alle 23.30 per la prima edizione dell?Octopus Adriatic Tentacular Fest la tre giorni dedicata a cinema, musica, letteratura, collezionismo, auto,

Oggi, 4 luglio, Pollock Project sarà al Museo Michetti di Francavlilla al Mare alle 23.30 per la prima edizione dell’Octopus Adriatic Tentacular Fest la tre giorni dedicata a cinema, musica, letteratura, collezionismo, auto, moto, food e territorio organizzata dall’Associazione Culturale Maze Eclectic Circle di Pescara. Pollock Project è l’ensemble art-jazz, fondato da Marco Testoni, che ha fatto del rapporto con le arti visuali e la poesia la propria cifra stilistica.
Sul palco assieme a Marco Testoni (caisa drum, percussioni & loop programming) la nuova line-up del trio che vede Simone Salza al sax soprano e Elisabetta Antonini, voce & live electronics.
Un live-act dove la scena si riempie di immagini e musica dando vita ad un emozionante dialogo visionario, capace di navigare senza timori e formalismi fra world e jazz contemporaneo, ambient e minimalismo. Nel concerto numerosissimi sono i richiami alla letteratura (Pablo Neruda, Julio Cortazar, Allen Ginsberg) e alle arti visuali: dal cinema all'arte contemporanea, dalla video-arte alle nuove arti digitali.
A costruire la tela e i tratti di questo dipinto musicale la magia dei caisa drum, il fraseggio raffinato e poliedrico della voce e il canto del sax.
Dove la tecnica del “dripping” è tradotta in musica nello stile improvvisativo proprio dell’action painting di Jackson Pollock.
Con due dischi all’attivo (Pollock Project e Quixote), il percorso artistico dell’ensemble si anima fin dagli esordi di una serie di mashup video nati dalle collaborazioni con artisti quali: Istvan Horkay, artista ungherese già collaboratore di Peter Greenaway; Mark Street, regista e filmmaker indipendente newyorkese; Andrea Bigiarini e il NEM - New Era Museum, un gruppo di artisti digitali che, attraverso la tecnica dell’Iphoneografia, creano opere fotografiche con semplici apparati mobili (smartphone/tablet); Victor Enrich, fotografo catalano, celebre per le sue “architetture impossibili”; Antonia Carmi, pittrice e acquarellista italiana trapiantata negli States, che ha firmato la copertina di entrambi gli album del Pollock Project; i videomaker Lorenzo Botticelli e Marco “Sfanto” Testoni. Marco Testoni (caisa drums, percussioni, piano, loop programming) è una particolarissima figura di percussionista, polistrumentista e compositore di musica per immagini e film il cui segno stilistico si identifica con il costante dialogo e interazione con le arti visuali.
La sua discografia attraversa numerose esperienze musicali che spaziano dal nujazz all’elettronica, dall’ambient al minimalismo.
L’ultimo cd solista Impatiens ha visto la collaborazione di Billy Cobham, il padre del drumming moderno.
Con il suono suggestivo del suo set di Caisa Drum - metallofoni di nuova generazione della stessa famiglia dei più noti Steel Drums caraibici – contaminato dall’uso di loop elettronici, Marco Testoni restituisce alle percussioni la capacità di esprimere compiutamente quel “lirismo del ritmo” che è il manifesto artistico del suo stile musicale. Simone Salza (sassofoni), nasce come clarinettista, ma ben presto si dedica con passione al sassofono.
Spazia dalla classica al jazz, dalla musica da film alla canzone d’autore.
Ha interpretato come solista alcuni dei brani più emozionanti del cinema italiano: uno per tutti il tema Oscar da La vita è bella di Nicola Piovani.
Ha collaborato anche con musicisti come Ennio Morricone, Pino Daniele, Carmen Consoli, Fiorella Mannoia. Elisabetta Antonini (voce & live electronics), cresciuta musicalmente fra l’Europa e gli Stati Uniti, si è fatta strada attraverso un’intensa attività concertistica jazz che l’ha portata a collaborare con nomi come Paul McCandless e Kenny Wheeler.
Da sempre riserva un’attenzione mirata alla composizione e all’arrangiamento rielaborando con cura alcune pagine del jazz di oggi.
Prossimamente vedrà la luce per la Candid Records il suo ultimo album intitolato "The Beat Goes On", un originale tributo alla beat generation.

Articoli Correlati