25 September 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

TURCHIA E TWITTER: nuovi arresti mentre continuano gli scontri

Centinaia di poliziotti hanno cercato di disperdere i manifestanti. "Il governo ha un limite" - Continua l'ondata di arresti per colpa dei "cinguettii" in Turchia. Visti i tweet sul famoso social network Twitter altri 13

Centinaia di poliziotti hanno cercato di disperdere i manifestanti.
"Il governo ha un limite" - Continua l'ondata di arresti per colpa dei "cinguettii" in Turchia.
Visti i tweet sul famoso social network Twitter altri 13 manifestanti sono stati arrestati a Adana, nel sud della Turchia.
L'accusa è quella di aver incitato e spinto alla rivolta altri cittadini, ma non è una novità: solo una settimana fa altri 34 ragazzi erano stati arrestati con la stessa motivazione. Dopo 48 ore la battaglia continua nel cuore della città e la polizia ha disperso con la forza circa 10.000 manifestanti causando anche alcuni feriti e, innumerevoli sono stati gli arresti dopo che il governo ha dichiarato di "avere dei limiti".
Centinaia di poliziotti hanno usato acqua e gas lacrimogeni per disperdere i dimostranti nella piazza centrale e riportare l'ordine. Rimane alta infatti la tensione in Turchia e gli scontri non sembrano femarsi soprattutto ad Ankara e ne risente in maniera molto forte anche la borsa di Istanbul che, questa mattina, ufficialmente per motivi tecnici non ha aperto. Per tutte le news CLICCA QUI

Articoli Correlati