19 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

CARO AVVOCATO: è evasione fuggire dagli arresti domiciliari per tornare in carcere

  • CARO AVVOCATO: è evasione fuggire dagli arresti domiciliari per tornare in carcere
L'avvocato Sara Testa Marcelli risponde: Si segnala una recente sentenza della Suprema Corte di Cassazione che ha nuovamente statuito in ordine al reato di evasione (art. 385 c.p.) dagli arresti domiciliari. Difatti, si

L'avvocato Sara Testa Marcelli risponde: Si segnala una recente sentenza della Suprema Corte di Cassazione che ha nuovamente statuito in ordine al reato di evasione (art.
385 c.p.) dagli arresti domiciliari. Difatti, si configura il reato di evasione dagli arresti domiciliari ogni volta in cui il soggetto attivo del reato si allontana dal luogo di domicilio stabilito dal Giudice per recarsi in altri luoghi, salvo il caso in cui si provi che l'allontanamento è stato reso necessario da cause di forza maggiore o comunque da cause non imputabili al reo (si pensi ad esempio al ricovero in pronto soccorso per un infarto). In particolare, il caso di specie vedeva imputato per reato di evasione un uomo che si era allontanato dal domicilio ove stava scontando la pena per recarsi davanti all'ingresso del carcere chiedendo la riammissione all'interno dell'edificio. Il motivo addotto dall'uomo consisteva nella intollerabilità della convivenza con la donna con cui aveva una stabile relazione. Ebbene, la Suprema Corte di Cassazione ha condannato l'uomo per il reato di evasione statuendo che l'intollerabilità della convivenza non può costituire causa di giustificazione dello stato di necessità, tale da escludere il delitto di evasione dagli arresti domiciliari. La giurisprudenza di legittimità hadifatti più volte affermato che il reato di evasione non può escludersi, in caso di allontanamento dall’abitazione in cui il soggetto è in stato di restrizione domiciliare, invocando la causa di giustificazione dello stato di necessità per asserito deterioramento dei rapporti con i congiunti conviventi, dal momento che in detta situazione non è apprezzabile il pericolo di un danno alla persona.

Articoli Correlati