Ma perché gemiamo quando andiamo a letto con qualcuno?

Gemere durante i rapporti potrebbe aiutarti ad avere una chance in più quando parliamo di piacere: non sei curiosa di saperne di più?

Forse non ne sei una fan o, forse, ti è venuto naturale farlo dal primo rapporto che hai mai avuto con qualcuno.
Di che cosa parliamo? Ma che domande, dei tuoi gemiti!

gemere durante i rapporti
(fonte: CheDonna – realizzata su: Canva)

Ci sono coppie che non riescono a portare a termine un rapporto se non li usano ed altre che, invece, consumano il tutto in religioso silenzio.
Chi ha ragione? Perché lo facciamo? Rispondiamo a qualche domanda a riguardo e vediamo se riusciamo a tirarne fuori qualcosa di buono per noi!

Gemere durante i rapporti serve a qualcosa? Ecco la risposta

Lo avrai visto, probabilmente, in ogni rappresentazione della sessualità che ti è capitato di “incontrare” tramite i media.
Video, film, serie TV e anche nei libri: quando si parla di un rapporto la parola gemiti fa sempre capolino, prima o poi.

gemere durante rapporti
(fonte: CheDonna – realizzata su: Canva)

Questo che cosa vuol dire, che un rapporto intimo è tale solo se ci si lascia andare a sospiri bollenti più o meno rumorosi?
Ovviamente no, non scherziamo. Ognuno lo fa alla sua maniera ma sappiamo troppo bene come luoghi comuni, pregiudizi ed imbarazzi possano influire sulle nostre performance sessuali.
Ecco perché abbiamo deciso di cercare di capire a che cosa serve gemere durante i rapporti sessuali e se è veramente necessario!
Sia che tu lo faccia “perché nei film fanno così” o che tu non lo faccia perché la vita “non è Bridgerton“, qui trovi tutte le risposte.

Perché si geme durante un rapporto

Generalmente, chi geme durante un rapporto lo fa come risposta ad un istinto praticamente animalesco e/o primordiale.
Dopotutto, questi momenti dovrebbero essere quelli nei quali perdiamo il nostro modo di fare “compassato” e ci lasciamo veramente andare!

Molte persone gemono, quindi, perché semplicemente capita loro di farlo: neanche se ne rendono conto!
Molto probabilmente gemere durante un rapporto è un segnale equivalente al “via libera“, come a dire che quello che si sta facendo va benissimo (anzi, molto più che bene: continua pure!).
Questo non toglie che potrebbero esserci persone che gemono perché credono di doverlo fare (anche se non ci sembra che sia tra le cinque cose da fare per farsi desiderare sempre di più).

Invece di fare il terzo grado al tuo partner, parlate un attimo di consenso (come abbiamo fatto noi qui) e di come o cosa vi aspettate da un rapporto. Non devi assolutamente fare qualcosa perché pensi che l’altro la voglia e, soprattutto, se non ti viene naturale e neanche voglia di farlo!

Gemere durante i rapporti facilita l’orgasmo?

Passiamo alle domande importanti, quelle che tutti (o quasi) si stavano facendo. Ma questo fatto di gemere durante i rapporti, in definitiva, può aiutarti a raggiungere l’orgasmo?
Incredibile ma vero, la risposta è .
Innanzitutto perché gemere durante i rapporti, che tu lo faccia spontaneamente o che tu stia provando a farlo per divertimento, può farti veramenteentrarenella parte.

Lo sappiamo che l’orgasmo non è l’unica cosa importante di un rapporto e che per raggiungerne uno è molto più facile non pensarci tutto il tempo.
(In ogni caso, se un orgasmo arriva di certo non gli chiudiamo la porta in faccia, vero?).
Spesso, però, siamo troppo occupati a pensare letteralmente ad altro invece che goderci il rapporto. Sono ingrassata? Vedrà la mia cellulite? Com’è la mia faccia vista da sotto? Mi sono depilata bene dietro le cosce?
Domande di questo tipo aiutano a fare tutto meno che godersi il momento mentre invece gemere potrebbe aiutarti a concentrarti solo… sul rapporto!

Secondo poi, saper usare il respiro è fondamentale per eccitarsi e, di conseguenza, anche raggiungere l’orgasmo. Se non gemi durante i rapporti e vuoi provare ad iniziare, non sentirti giudicata od altro: cerca di capire che cosa piace a te e parla con il partner di cosa c’è che va bene e cosa c’è che non va. Il divertimento, in questo caso, è per tutti e due!

Qual è il volume giusto?

Ehm… la risposta è che non c’è!
Se hai deciso di provare a gemere durante i rapporti (o se già ti capitava prima), possiamo dirti che non esiste una misurazione specifica del volume accettata dalla Unione Europea.
(E per fortuna!).

Possiamo dirti semplicemente che il volume del tuo gemere non dovrebbe essere “un problema”.
Il senso è: non tutti i vicini devono sapere quello che stai facendo e, quindi, non gemere forzatamente come se avessi i polmoni di Pavarotti per convincere quello smorfioso del terzo piano che la tua vita è meravigliosa.
Dall’altro lato, però, ti devi lasciar andare e, probabilmente, i tuoi gemiti seguiranno un crescendo (non preoccuparti se non hai fatto attenzione quando suonavi il flauto alle elementari, non serve essere esperti).

Insomma, un volume giusto non esiste ma esiste solo quello che ti fa stare a tuo agio, felice e confortevole. Ci sono ottime possibilità che il tuo partner semplicemente adori sentire i tuoi gemiti (pensa questa cosa anche al contrario: quanto è bello sentire il tuo partner gemere invece di stare in silenzio, pietrificato come se gli fossero entrati i ladri in casa?) ma questo non vuol dire che dobbiamo fare una performance degna del Coachella!