Come riconoscere se il rimpiazzo in amore sei tu: ecco che cos’è il “cushioning”

Ti sei mai chiesto se sei il partner “a metà” tra una relazione seria e l’altra? Ecco cosa succede se sei il “cushioning” di un altro.

cushioning
(fonte: Pexels)

Hai mai pensato che forse, nella tua relazione, sei un il “terzo incomodo“?

Se non hai mai sentito parlare delle relazionecuscinetto” il motivo potrebbe essere solo uno: sei tu il cuscino di qualcun altro!

Scopriamo insieme che cosa è questa particolare condizione e, soprattutto, se ne sei vittima senza saperlo.

Cushioning: cosa succede quando sei il “cuscinetto”

cushioning
(fonte: Pexels)

Ti è mai capitato di guardare la nuova fidanzata del tuo ex e pensare: “Poverina, non lo sa ma è solo un rimpiazzo“?
Bene, immagina se, invece di pensarlo tu di qualcuno, sono gli altri a pensarlo di te!

Il “cushioning“, infatti, è una pratica che, anche se è sempre esistita, ha trovato una nuova dimensione grazie alle nuove app di dating online.
Insomma, potrebbe essere qualcuno che conosci su Facebook Dating oppure qualcuno con il quale entri in contatto grazie ai social, poco importa.
In questa epoca digitale, nella quale se “non posti” non è successo, il cushioning è diventato un fenomeno veramente preoccupante.

Ma di cosa parliamo quando parliamo di “cushioning”?
Quello che intendiamo è una di quelle relazionecuscinetto” che, proprio come certi Stati che studiavamo a scuola durante le guerre europee, servono a “tamponare” una situazione critica.
In altre parole, il tipo che stai frequentando non esce con te perché è interessato alla tua persona od alla tua personalità: sta cercando di dimenticare qualcun altro!

Il cushioning differisce dal famoso metodo “chiodo schiaccia chiodo” perché presuppone che tra di voi non ci sia solo un rapporto fisico ma, anche, tutti quegli elementi che rendono una relazione degna di questo nome.
Ma come si fa a riconoscere se siamo davvero vittime di questo atteggiamento?
Il cushioning, infatti, differisce dall’orbiting e da tutti gli altri “ing” che si trovano in quella giungla che è il mondo delle relazioni online.

Chi vuole avere una relazione “cushioning” sta solo cercando di occupare la sua mente con qualcos’altro dopo una brutta rottura.
Insomma, che tu te ne renda conto o meno, il succo della questione è che qualcuno ti sta “usando“.
Non solo “fisicamente” ma, forse peggio, anche e soprattutto mentalmente.
Scopriamo insieme quali sono i segni che possono farti capire che sei un “cuscinetto“.

  • presenza costante: non sei neanche sicuro di come vadano le cose tra di voi, eppure vi vedete tutti i giorni.
    Magari non state benissimo insieme o non sapete di cosa parlare, però il tuo partner vuole stare sempre con te. Non solo! Piuttosto che stare da solo a casa si infila nelle situazioni più assurde (con i tuoi amici o genitori) senza pensarci due volte (salvo poi pentirsi dopo)
  • esclusivi? Non scherziamo: non ne parla apertamente, ma se ti confronti con il “cuscinatore” in questione scoprirai che non siete assolutamente una coppia.
    Certo, lui si comporta come se lo foste ma non ha nessuna intenzione di chiamarti, almeno per il momento, il suo “affetto stabile”.
  • il/la mio ex: ah, non ti ha ancora parlato del suo ex compagno? Bene, sappi che non ci vorrà molto prima di sentire la triste storia del loro amore finito.
    Altro segnale d’allarme è quando, una volta che chiedi le cose che ti interessano riguardano il suo rapporto finito, il partner diventa improvvisamente reticente.
    Non parliamo, poi, della possibilità di incontrare la persona in questione.
    Tra loro due ci sono talmente tanti sottintesi ancora cocentemente presenti che non riesci neanche a respirare in loro presenza!
partner perfetto
(fonte: Pexels)

Insomma, essere “vittime” del cushioning vuol dire avere a che fare con qualcuno che cerca, disperatamente, di far finta di essere andato avanti.

A volte si tratta di persone che non si rendono conto di quello che fanno ma, il più delle volte, abbiamo a che fare con qualcuno che semplicemente è troppo egoista per affrontare la fine di una relazione senza una “stampella“.

Se pensi di essere un “cuscinetto“, non indugiare e lascia immediatamente perdere il tuo partner: ti meriti molto di meglio!