Coppia con figli? Ecco come ravvivare la vostra intimità

Con l’arrivo dei figli i genitori affrontano un cambiamento nella loro intimità, ecco i nostri suggerimenti per affrontare al meglio questo cambiamento.

Photo FreePick

L’arrivo di un figlio è un momento magico per una coppia innamorata che rende la coppia una famiglia completa. I genitori deliziati da questo nuovo arrivo affrontano questo cambiamento radicale con gioia ma anche con difficoltà. Il rapporto tra mamma e papà cambia, il loro tempo non è più per loro stessi ma lo dedicano in gran parte al bambino. L’intimità che solitamente si rafforza dedicando l’un l’altro tempo, attenzioni e coccole, viene compromessa. Mentre alcuni genitori riescono egregiamente a gestire la situazione, altri vivono un momento di distacco.

La bella notizia è che il modo per far decollare l’intimità anche con l’arrivo dei figli esiste ed è provato.

Coppia: mantenere viva la fiamma dell’intimità con l’arrivo dei figli

Photo FreePick

E’ bellissimo diventare genitori ma soprattutto all’inizio è anche molto difficile. Il bambino è una sorta di lavoro a tempo pieno e crescerlo e stargli dietro rappresenta un grande dispendio di energia. La coppia potrebbe risentire del fatto di avere meno tempo da dedicarsi reciprocamente. Trovare del tempo per stare insieme è difficile e la stanchezza spesso regna sovrana quando i bambini dormono. Molte coppie si chiedono nostalgicamente se torneranno a vivere la loro intimità come un tempo. La sessuologa Roberta Rossi dell’Istituto di Sessuologia Clinica di Roma, ha fornito un’interessante panoramica sull’argomento.

Ovviamente con la nascita di un figlio cambiano le dinamiche della coppia: “È qualcosa di inevitabile. La gravidanza segna un momento di transizione per la coppia. Come tutti i cambiamenti, anche la qualità della vita può cambiare, dalla mancanza di sonno allo stress legato agli esami clinici. Tutto ciò potrebbe avere un’ulteriore ricaduta sull’intimità e sulla vita sessuale della coppia. Ogni coppia reagisce a modo suo. Ci sono alcune coppie che riprendono velocemente la propria vita sessuale, altre che faticano ad adattarsi e altre ancora che permettono che si crei una frattura nell’intimità”

Secondo l’esperta la coppia inizialmente non si rende conto della frattura che si inizia a creare nella loro intimità e  il tempo è una variabile che ha un grande peso su questa dinamica. “Il tempo diventa una variabile che pesa su questa frattura: la coppia impegnata ad accudire il bambino lascia che la loro intimità vada alla deriva”.

Recuperare un’intimità che ha preso il largo è molto difficile. Ricordiamo che fare l’amore è il cemento della coppia quindi l’intimità è un fattore che andrebbe valutato preventivamente e la coppia dovrebbe prepararsi al cambiamento con un piano d’azione atto a mantenere alto il desiderio reciproco. Questo non è facile come potrebbe sembrare, la donna dopo la gravidanza è una donna provata dalla fatica e dalla stanchezza, solitamente risponde meno agli stimoli del partner, in tutta la sfera sessuale, dall’eccitazione al piacere durante il rapporto.

Quando si stabilisce un piano d’attacco anticipatamente bisognerebbe considerare questo aspetto.

Perché quando diminuisce la frequenza dei rapporti si genera una crisi nella coppia? I motivi sono diversi, principalmente il partner rifiutato più volte, potrebbe perdere la voglia di prendere l’iniziativa sessuale e la coppia potrebbe entrare in un pericoloso circolo di calo del desiderio e persino diventare asessuata… Alcuni uomini perdono l’interesse sessuale nella partner iniziando a vederla solo come figura materna e non più come la propria compagna. Un matrimonio senza rapporti intimi può durare?

Secondo la sessuologa il rischio che corre la coppia è quello di “diventare prevalentemente genitoriale, con un grande impegno nell’accudimento del bambino ma con scarsa o nulla attenzione alla propria intimità sessuale. Alcune volte queste coppie diventano coppie con un matrimonio bianco secondario: la sessualità non riesce ad essere recuperata neanche dopo mesi. Sono coppie che condividono un progetto importante, che a volte durano nel tempo ma solo per l’attenzione rivolta ai propri i figli”.

Dunque si parla di un cambiamento radicale all’interno del rapporto che con l’arrivo dei figli corre un rischio che spesso non viene valutato e che nel momento in cui si presenta è difficile da gestire e può avere risvolti inaspettati molto pericolosi. Da qui l’importanza di seguire qualche consiglio che aiuti la coppia a ristabilire un equilibrio, tenga vivo il desiderio e unita la coppia fuori e dentro il letto.

Dieci consigli per alimentare il desiderio tra i partner

domande intimità di coppia
Foto da Unsplash

Ecco alcuni suggerimenti dell’esperta per superare egregiamente questo grande cambiamento, senza ledere al rapporto di coppia e all’intimità, ma fortificandolo:

1) Non parlate solo dei figli

Ricordatevi che prima dell’arrivo dei bambini vi scambiavate opinioni su tanti argomenti, continuate ad interessarvi della vita dell’altro. Alimentate la vostra conversazione e non rendetela monotematica.

2) Chiedi aiuto a una baby sitter o ai parenti

Crescere i figli è faticoso, non c’è niente di male se vi fate aiutare da qualcuno ogni tanto. Potete affidare i figli ad una persona fidata per il tempo necessario di concedervi un momento esclusivo della coppia. Cercate di evitare di fossilizzarvi sul “chissà cosa starà facendo ora” e non sentitevi colpevoli. Lo state facendo anche per lui, affinché mamma e papà stiano insieme e felici di starci.

3) Dormire insieme accoccolati

“Il contatto pelle contro pelle è fondamentale per mantenere attiva e vitale la connessione intima” secondo l’esperta.

4) Uscite da soli almeno una volta al mese

Questo punto si ricollega al punto precedente. La coppia ha bisogno di avere dei momenti da dedicare a loro stessi, anche solo per poter parlare senza essere continuamenti interrotti dai bambini.

5) Non avere sensi di colpa

Molti partner non si rendono conto della stanchezza e della fatica che comporta la nuova vita da mamma e spesso colpevolizzano la moglie per essere ormai solo una madre, non in grado di soddisfare i bisogni del marito. Colpevolizzare l’altro è qualcosa che incrina la coppia e crea un divario che difficilmente si potrà colmare. Parlate senza colpevolizzare nessuno, ognuno sta facendo solo il proprio meglio.

6) Coccolatevi

“Anche se siete troppo stanchi o non avete voglia di intimità, coccolatevi, abbracciatevi, fatevi un bagno insieme”. L’esperta mette in guardia i genitori sull’importanza di prendersi cura di se stessi, indossare biancheria sexy e curare la propria igiene personale per esempio sono gesti molto apprezzati.

7) Fare esercizi per rinforzare il pavimento pelvico

“Stringete e trattenete i muscoli del pavimento pelvico almeno un paio di volte al giorno” Secondo la terapista questo tipo di esercizio è ideale per avere orgasmi più intensi e far impennare il desiderio in intimità.

8) Trovare alternative intime

A volte la stanchezza mette a dura prova il desiderio, in questi casi l’alternativa è essere complici dell’intimità. La terapista consiglia di non frantumare i sogni e i desideri del partner: “Se sei troppo stanca lascia che il tuo partner faccia da solo mentre tu sei sua complice. Vi assicurerete un po’ di piacere senza affaticarvi troppo”.

Questo suggerimento è utile anche dopo il parto, quando il rapporto fisico con  penetrazione risulta ancora troppo doloroso, in questi casi ci sono molte attività alternative e altrettanto piacevoli che si potrebbero fare.

9) Pianificate il momento adatto

Avete i minuti contati, ricordatevi di pianificare tutto, cena, lingerie, bagno, coccole tutto.

Photo FreePick

10) Niente vittimismo

Anche se qualcosa è cambiato anche se il desiderio sembra svanito, anche se è difficile lasciarsi andare, la terapista consiglia: “Non utilizzare scuse. E’ difficile per entrambi, anche per il partner è difficile condividerti con i figli.  Il lavoro di squadra aiuta molto. Impegnati anche a tu a ritrovare un’intimità”.