Si autodichiara la donna più sexy del web, Tinder la banna

“Sono talmente sexy che gli uomini mi fanno proposte di matrimonio a go go e mi offrono vacanze gratis, Tinder mi ha persino bannato”

Luana Benna Photo Instagram

ll New York Post racconta un’altra storia incredibile, questa volta si tratta di una donna bellissima, Luna Benna che si lamenta di subire ingiustizie e di essere la vittima del suo successo e del suo fascino. Scopri cosa le è accaduto.

Tinder la banna perché è una modella bellissima

Luana Benna Photo Instagram

Luana Benna è una modella, si registra su Tinder nel 2017 e pubblica sul suo profilo moltissime foto che mostrano tutto il suo splendore. Gli uomini impazziscono letteralmente per lei, riceve moltissimi messaggi di complimenti, oltre che richieste di appuntamenti, vacanze gratuite e persino proposte di matrimonio, ma accade qualcosa di strano. Per il fatto di attirare troppi utenti di Internet, la piattaforma di Tinder la banna e chiude il suo account.

Improvvisamente si vede scaraventata fuori e costretta a rinunciare a quella vita fatta di lusinghe, appuntamenti e tutto il resto. Perché l’applicazione ha deciso di eliminare il suo profilo dalla piattaforma?

Luana Benna Photo Instagram

Iniziamo dall’inizio, stando a quanto affermato dalla modella nel 2017 prese la decisione di unirsi a Tinder perché sperava di trovare l’amore. Poi si è resa conto che le sue foto attiravano molto il pubblico maschile anche non faceva che sedurla. Secondo il New York Post, la modella riceveva centinaia di messaggi ogni giorno, oltre a offerte di regali e proposte di matrimonio. Come la ragazza stessa avrebbe affermato, ha accettato di incontrare qualcuno dei suoi pretendenti ma senza successo, le è anche capitato un corteggiatore che si sarebbe sentito così intimidito da lei da restare “paralizzato” tutto il tempo.

Ovviamente il grande impatto che ha scatenato la sua presenza su Tinder non è passata inosservato, qualcuno l’avrebbe persino minacciata perché “troppo attraente” e la piattaforma Tinder per lo stesso motivo avrebbe deciso di chiudere il suo account.

La ragazza denuncia di essere vittima di sessismo e questa storia viene associata al caso di Presley Pritchard, una bella vigile del fuoco licenziata perché “troppo sexy” .

Tinder per contro ha giustificato l’accaduto dicendo che il motivo per cui avrebbe chiuso il suo account sarebbe dovuto ai tanti profili falsi che sono stati creati utilizzando le sue foto.

Anche la ragazza ha confermato di essere spesso vittima di sottrazione di identità: “Ci sono così tanti profili falsi, ogni volta che apro un nuovo account, ricevo una notifica e Tinder lo elimina”. La modella dice di essersi accorta che le sue foto veniva utilizzate per adescare clienti su siti illegali che proponevano escort. I vari profili le assegnavano nomi utente diversi.

Il New York Post, ha cercato di fare luce sulla questione chiedendo spiegazioni direttamente all’app di appuntamenti, che ha specificato che le politiche di Tinder vietano le foto di persone nude e qualsiasi materiale sessualmente esplicito.

Luana Benna Photo Instagram

Luna Benna nonostante sia stata radiata dall’app di incontri ha fortunatamente trovato l’amore poco prima della cancellazione del suo account.

Come proteggere i tuoi dati sui social network?

Quando si utilizza un social network bisogna sempre fare attenzione alle persone delle quali accettiamo l’amicizia, questo è il primo passo. Accettare l’amicizia degli sconosciuti potrebbe essere rischioso, poiché, come spiega Aroua Biri, esperta in cybersecurity equivale a far entrare in casa uno sconosciuto, che potrebbe non essere una brava persona e tu potresti dargli modo di osservarti da vicino per non parlare della possibilità che dai loro, di accedere alle tue foto e ai tuoi video che potrebbe utilizzare per fini ignobili, esistono moltissimi falsi profili nell’ambito della pornografia infantile.

Ovviamente una maggiore vigilanza sul web si rende necessaria per proteggere dati personali e privacy. Tra le misure preventive più efficaci troviamo:

  • la regolazione delle impostazioni sulla privacy e la limitazione dell’accesso ai contenuti pubblicati
  • la creazione di una password complicata
  • vigilanza della presenza su Internet(pallino verde) anche dopo la disconnessione
  • disconnettersi dal sito dopo il suo utilizzo
  • la limitazione della condivisione di informazioni sensibili o private sui social network
social media novità
Photo AdobeStock

Questi accorgimenti sono stati forniti dal sito web della Commissione nazionale per l’informatica e le libertà (Cnil).