Home Salute e Benessere Quali sono le differenze nei sintomi tra coronavirus e influenza?

Quali sono le differenze nei sintomi tra coronavirus e influenza?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:16
CONDIVIDI

Coronavirus o semplice influenza? prendi nota delle sostanziale differenze che riguardano i sintomi delle due malattie.

Coronavirus | l'autocertificazione per viaggiare
Fonte foto: Pixabay

Il Coronavirus continua a diffondersi rapidamente, la popolazione mondiale è  sempre più preoccupata. Accanto alle restrizioni necessarie sorgono dubbi e paure di chi in questi giorni non si sente bene, è raffreddato o ha un pò di febbre e teme di aver contratto il Covid-19. Ecco quali sono le sostanziali differenze e sintomi tra il Coronavirus e l’influenza.

Sullo stesso argomento >>> Influenza o Coronavirus | ecco cosa fare se si accusano i sintomi

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Coronavirus o influenza? I sintomi da considerare

Tosse secca o grassa
Tosse Fonte: Istock Photo

Il coronavirus, o covid-19, continua a diffondersi e non mostra segni di rallentamento. In Italia il governo sta cercando di contenere la diffusione e estende la zona rossa a tutta la penisola come da comunicato di ieri sera: Coronavirus | Parla Conte: tutta l’Italia è zona rossa VIDEO. Le scuole restano chiuse fino al 3 Aprile, gli spostamenti sono controllati e consentiti solo per motivi di salute e lavoro, anche lo sport è fermo, il Ministero della salute lancia l’ hasthag #IoRestoACasa.

Gli scienziati di tutto il mondo sono occupati a studiare il virus e la sua azione, nel frattempo si cerca di gestire questa epidemia.

In questo contesto basta un raffreddore, un pò di febbre per pensare al peggio soprattutto nel caso in cui per esigenze lavorative si è stato in contatto con molte persone.

Individuare i nuovi casi è necessario affinchè i contagiati stiano in quarantena evitando di contagiare altre persone. Un compito purtroppo abbastanza complesso data la somiglianza dei sintomi del Coronavirus a quelli dell’influenza stagionale eppure alcune differenze sostanziali esistono.

Come è possibile distinguere il coronavirus da una semplice influenza stagionale?

Secondo il dottor Gérald Kierzek, un medico intervistato da LCI: “Entrambi sono sindromi virali, che più o meno causano febbre, tosse, dolori muscolari e affaticamento”. È vero che è abbastanza difficile per un paziente giudicare se è stato infettato tuttavia il dott. Kierzek sottolinea che “l’influenza ha comunque un inizio probabilmente più brutale, con febbre alta e forti dolori “a differenza del coronavirus la cui” febbre sembra più moderata tanto che i pazienti non sono costretti a letto come nel caso dell’influenza. ”

Bisogna anche considerare che come spiega il virologo Fabrizio Pregliasco, i sintomi dipendono dal sistema immunitario individuale per cui la sintomatologia è variabile.

Nell’80 per cento dei casi i sintomi del coronavirus sono:

  • naso congestionato o che cola
  • tosse secca
  • febbre molto alta
  • difficoltà resiratorie
  • dolori muscolari e articolari
  • stanchezza fisica

Questi sintomi compaiono tra 2 e 14 giorni dopo la contaminazione e il paziente nei casi più gravi può sviluppare difficoltà respiratorie acute, un’insufficienza renale acuta o un’insufficienza multi-viscerale, come spiegato nel sito di Johns Hopkins Medicine.

L’unica cosa che permette di distinguere davvero un’infezione da coronavirus da una semplice influenza è effettuare un tampone faringeo.

Prima di allarmarsi comunque è bene contestualizzare la propria situazione, come ricorda Bruno Lina, virologo dell’International Center for Infectious Disease Research (CIRI) insieme al proprio medico curante.

Ti potrebbe interessare anche >>>> Coronavirus | esperimento dell’autobus rivaluta l’importanza della mascherina

Coronavirus | tutta l'Italia è zona rossa | il vademecum della quarantena
Fonte foto: Pixabay

Ricordarsi di attenersi scrupolosamente alle norme igieniche raccomandate nel contesto di questa epidemia, vale a dire tenersi a distanza di sicurezza, evitare luoghi affollati, lavarsi accuratamente le mani con sapone o gel idroalcolico e tossire e starnutire nel gomito.

Fonte: Doctissimo, LCI, grupposandonato.it.