Home Salute e Benessere Psiche Casa e psiche | 10 infallibili Regole per uscire dal disordine

Casa e psiche | 10 infallibili Regole per uscire dal disordine

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:26
CONDIVIDI

Casa e psiche | 10 infallibili Regole per uscire dal disordine e ritrovare finalmente l’ordine in casa e dentro di voi. Perché il caos nasconde parti della personalità, scopri quali sono

disordine
10 regole per uscire dal disordine (Istock)

C’è chi afferma che essere disordinati è sintomo di intelligenza, chi, al contrario, vede nel disordine un caos mentale. Insomma, il disordine come lo si vuole interpretare, rende le persone e la casa, inevitabilmente confusi. Vi sono, poi, quelle persone che proprio non riescono ad essere ordinate e a tenere in ordine un appartamento di 20 mq, ma anche solo una stanza o la macchina! A volte i disordinati buttano lì la scusa del lavoro, del poco tempo a disposizione e, parliamoci chiaro, è solo la pigrizia e la poca voglia di fare a rimandare l’ordine. Ma cosa si nasconde dietro il disordine? E come uscirne? Ebbene, esistono delle regole infallibili, 10 per la precisone, che rendono anche i più temerari disordinati, disciplinati e devoti all’ordine. Non ci credi? Allora continua a leggere, scoprirai un universo di tranquillità e pacifico ordine

Potrebbe interessarti anche: Pulire casa? Ecco come organizzare le faccende domestiche

Psiche | Cosa si nasconde dietro al disordine?

disordine
10 regole per uscire dal disordine (Istock)

Essere disordinati non significa essere dei geni. Così come essere troppo ordinati non ci rende delle persone migliori. Gli estremi non vanno mai bene quando si ha a che fare con le realtà della vita umana. Certo forse oggi, rispetto al passato, si ha davvero poco tempo per tenere in ordine la casa come vorremmo e anche i più ordinati, a volte, cedono al disordine casalingo. Ma quando questo avviene una volta ogni tanto va bene, in caso contrario, quando invece si è davvero disordinati, forse, questo disordine nasconde qualcosa. Cosa si nasconde, quindi, dietro al disordine compulsivo?

In generale, se casa nostra o il luogo dove passiamo la maggior parte del tempo è in disordine, questo è sintomo di un disordine nel nostro mondo interiore. Avere tantissimi oggetti, significa avere troppe idee e progetti incompiuti. Il disordine lancia un messaggio di confusione interna, di mancanza di organizzazione e di definizioni.

Potrebbe interessarti anche: Pulire casa? Ecco come organizzare le faccende domestiche

In quale parte della casa sei più disordinato?

casa disordine
10 regole per uscire dal disordine (Istock)

Il Feng Shui indica a riguardo, i diversi posti della casa dove si è maggiormente più disordinati. In base al luogo dove si accumulano oggetti vari sarebbe un indicatore di uno stato d’animo diverso. Per capirci meglio, il Feng Shui spiega che:

  • disordine vicino l’ingresso di casa: questo accumulare oggetti o comunque essere disordinati all’ingresso di casa sta a significare un profondo timore nel relazionarsi con le persone.
  • disordine in cucina: avere la cucina in disordine o uno spazio dove si tengono alimenti commestibili indicherebbe per il Feng Shui una fragilità emotiva o un risentimento.
  • disordine negli armadi: il disordine negli armadi e l’accumulo di oggetti di casa  rivela difficoltà ad analizzare i sentimenti e le emozioni.
  • disordine sotto i mobili di casa: accumulare oggetti vari e avere disordine sotto alcuni mobili di casa indica dipendenza dall’opinione altrui o il fatto di dare importanza alle apparenze.
  • disordine dietro le porte di casa: è espressione di paura di essere rifiutati dagli altri e la convinzione di essere osservati.
  • disordine sulla scrivania o al lavoro: accumulare oggetti sulla propria scrivania, come anche fogli impilati in modo disordinato indica paura, frustrazione e necessità di controllo sulle situazioni.
  • disordine in garage: anche in garage si accumulano oggetti, è fatto appositamente per questo penserete voi, ma anche in questo luogo può regnare il disordine: oggetti buttati senza una logica da tempo, caos negli utensili ecc. Insomma il disordine in garage implica paura delle cose nuove e sconosciute e incapacità di aggiornarsi.
  • disordine in corridoio: il disordine o l’accumulo di oggetti in prossimità del corridoio significa paura di esprimersi, di dire direttamente ciò che si vuole.
  • disordine in sala da pranzo o salotto: avere un salotto in disordine sta a significare una paura verso la società, la socializzazione è la paura di essere rifiutati dalla società. Mentre avere la sala da pranzo in disordine ha a che vedere con il fatto di sentirsi controllati dalla famiglia, di essere insicuri di sé.
  • disordine sperso in tutta casa: in ultimo, avere tutta casa accumulata di oggetti vari e disordinata vuol significare ira repressa, apatia e disinteresse verso la vita in genere.

Se vi siete ritrovati in una o più di queste affermazioni, allora dovete porre rimedio subito. Ma come? Semplicemente mettendo in pratica le 10 infallibili regole per eliminare dalla vostra vita, una volta per tutte, il disordine. Ecco come

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Le 10 Regole per uscire dal disordine

donna felice casa
10 regole per uscire dal disordine (Istock photos)

La cosa importante, quando si parla di ordine, è poter vivere in uno spazio che troviamo gradevole e facile da gestire. Non ha senso deprimerci solo guardando le condizioni della nostra casa o del posto dove lavoriamo. Non dobbiamo “ammazzarci” affinché la nostra casa risplendi come uno specchio, ma cercare di tenere tutto in ordine è il primo passo verso la serenità. Entrare in casa e trovarla esattamente come deve essere, con tutte le cose al proprio posto, vi renderà automaticamente più felici e rilassati.

La causa principale del disordine è il fatto di non aver classificato al meglio gli oggetti e in modo particolare i documenti e le bollette e, proprio per questo, tante cose non hanno un posto definito dove stare. È importante analizzare quali sono i tipi di oggetti che ci sono in casa o in ufficio, organizzarli in categorie o gruppi e stabilire il posto per ogni cosa, che siano oggetti o documenti poco cambia.

Non vi piacerebbe essere più ordinate e non dover perdere tempo prezioso che, invece, potreste utilizzarlo per fare qualcosa che vi piace davvero? Ecco le 10 regole per essere subito ordinate e uscire dal caos in cui regna sovrana la vostra piccola graziosa dimora.

1. Mai dire “quello lo faccio dopo”

donna annoiata
10 regole per uscire dal disordine (Istock)

Le persone pigre di solito amano questa frase “lo faccio dopo”, rimandando all’infinito ogni piccola cosa che si deve fare, solo perché non si ha la voglia di farlo. Ebbene, la prima regola per uscire da questo limbo disordinato è NON rimandare a dopo. D’altronde esiste anche il detto “non fare dopo quello che potresti fare adesso”, sono sicura che si parlava di ordine! Quindi, appena scorgete con l’occhio qualcosa da sistemare,  fatelo subito!

Esempio, nel passare dal bagno alla cucina, avete visto di sfuggita, che sul mobile dellasal da pranzo giace indisturbata tutta la serie di smalti per le unghie e altri prodottiper la manicure acquistata il giorno prima? Non pensate “poi li metto a posto” per poi andare in camera, no: Fermatevi e riponeteli al loro posto e poi andate dove volete!

2. Riponete giubbotti, borse e giacche nell’armadio No sulla sedia

Pulire il guardaroba
10regole per uscire dal disordine Fonte:iStock Photo

Una delle cose che spesso si fanno nelle case è quello di lasciare borse, vestiti vari, giubbotti e ogni genere di vestiario sulla prima sedia disponibile, che essa sia in camera da letto o in salotto. La sedia non è un armadio! Quindi, quando rientrate a casa e vi spogliate degli indumenti che avete addosso, come prima cosa controllate se dovete riutilizzarli l’indomani oppure se sia il caso di lavarli. In questo secondo caso, dirigetevi direttamente verso il secchio dei panni destinati al lavaggio oppure mettete gli indumenti direttamente in lavatrice.

Non usate quindi le sedie per lasciare i vostri abiti che, inevitabilmente si accumuleranno giorno dopo giorno! Se, invece, i panni sono da indossare nuovamente, allora cercate di piegarli in modo da lasciarli in una condizione decente e riponeteli nell’armadio. Vi concedo di abbandonarli sulla sedia solo se si tratta di un indumento che dovrete rimettervi al mattino dopo!

3. Ogni oggetto al suo posto

Vi sembrerà banale, vero? Ma vi giuro che non lo è. Quando utilizzate un oggetto o un’altra qualsiasi cosa, dopo l’utilizzo riponetela immediatamente dove l’avete presa. Perché farlo? Anzitutto perché la prossima volta la troverete facilmente senza girare ore ed ore per la casa alla ricerca “di”, secondo, non vi troverete immersi nel caos di oggetti buttati a casaccio, un po’ qui un po’ lì, senza un ordine preciso.

I documenti della scrivania devono avere il loro posto, così come i farmaci, i libri, i quaderni, gli ombrelli, le borse, le scarpe e via di seguito.

4. Ordinate l’armadio almeno 1 volta al mese

guardaroba
Photo iStock

Se siete irrimediabilmente disordinati, prendetevi un paio di ore al mese (basteranno, spero) per riordinare completamente l’armadio dal superfluo. La prima cosa da fare è scegliere un giorno della settimana, preferibilmente nel week end, farlo nelle prime ore della giornata, perché poi non lo farete più!

Buttate tutto fuori e scegliete con cura cosa tenere e cosa, magari buttare. Usciranno da quegli armadi una miriade di vestiti, gonne e canotte che pensavate di aver perso per sempre! Utile, no? Lo so, i disordinati, tenderanno a mettere tutto in disordine già dopo un paio di giorni ma, se farete questo piccolo esercizio mensile, sono sicura che ci penserete due volte prima di buttare alla rinfusa le cose nell’armadio la prossima volta! Ne va del vostro tempo prezioso.

Un suggerimento utile è quello di dividere l’armadio in zone dove sistemare ben divisi i maglioni dalle maglie, la manica corta dalla lunga, le canottiere e via dicendo. Così quando dovrete rimettere dei vestiti nell’armadio saprete già riporli al loro posto, per non parlare di quando avete le pile di indumenti appena stirati da infilare nell’armadio. Basta con l’infilarli nel primo buco che trovate, ma ogni cosa avrà il suo posto.

Potrebbe interessarti anche: Psiche | Ecco chi ti ruba la vitalità senza che tu te ne accorga

5. Rifare il letto appena alzati

rifare il letto
10 regole per uscire dal disordine (Istock)

Non rimandate a dopo, la prima cosa che dovete fare la mattina è quello di rifare il letto. Ancor prima di andare a fare colazione, sì è così, toglietevi subito il pensiero! Alzatevi, stiracchiatevi, giratevi e sistemate le lenzuola, così sarete ancora abbastanza assonnate da non rendervi conto di ciò che state facendo.

Potrebbe interessarti anche: Gel igienizzante mani | Ecco come farlo a casa: 2 ricette semplici

6. Lavate i piatti appena terminato di mangiare

Pulire utensili
10 regole per uscire dal disordine Fonte:Pixabay

Questo sì che è un tasto dolente anche per chi è ordinato, figurarsi per coloro che amano il disordine. Ebbene, qui ci vuole uno sforzo davvero sovrumano ma dovete farlo. Appena finite di pranzare, cenare o fare la colazione lavate tutte le posate, pentole e utensili vari. Non lasciateli nel lavello della cucina, uno perché puzzeranno dopo poco, due perché sarà molto più difficile scrostarli dopo ore, quando il cibo si sarà seccato all’interno dei piatti e delle pentole

Se avete la lavastoviglie, allora avete fatto bingo! Caricatela con piatti, ecc. al suo interno ma aspettate che sia piena a dovere. Vi consiglio di aspettare almeno un pranzo, una cena e una colazione, dopodiché potete azionarla. Così risparmierete tempo, energia e disordine.

Imponetevi di non uscire mai di casa senza aver lavato i piatti (anche quelli della colazione, ebbene sì). Siete in giro, invitate la vostra amica appena incontrata a prendere un caffè da voi. Volete davvero che creda che viviate all’interno di un manicomio? Io penso di no.

Potrebbe interessarti anche: Psiche | I 10 comportamenti da evitare al primo colloquio di lavoro

7. Le chiavi di casa, ecco come non dimenticarle

chiavi
regole per uscire dal disordine (istock)

Una delle cose che spesso un disordinato non torva mai o perde facilmente sono proprio le chiavi di casa e della macchina. Capita a tutti di lasciarle per caso in un posto della casa e poi non trovarle quando dobbiamo uscire. Come risolvere? Anche questo è semplicemente questione di ordine e organizzazione: ponete all’ingresso una piccola ciotola dove lascerete le vostre chiavi di casa o della macchina (o entrambe). Se non avete una ciotola dove posizionare le chiave, allora non vi resta che attaccare alla parete un gancio dove lascerete le chiavi, sempre vicino la porta d’ingresso.

Prendete questa semplice abitudine e non perderete più tempo a rovistare in borse, pantaloni e giacche!

8. Usate la scarpiera per le scarpe e se non l’avete, compratene una

scarpiera
10 regole per uscire dal disordine (Istock)

Basta lasciare scarpe ovunque: sotto il letto, in bagno, nell’ingresso e sotto il divano! Dai, davvero? Se avete già una scarpiera usatela! In caso contrario, fate in modo di acquistarne una, in commercio ne esistono di diversi tipi e anche molto economiche.

Se avete troppe scarpe e non avete una scarpiera capiente a disposizione? Vi consiglio di lasciare le scarpe nelle scatole e metterle direttamente in basso nell’armadio o prendete quelle scatole di plastica con ruote da mettere sotto il letto e impilatele tutte li! Quando ritornate a casa da lavoro, per esempio, mettete via subito le vostre scarpe, se vi limitate a toglierle e spingerle sotto il letto resteranno li e si rovineranno. In più se avete un animale in casa, lasciare le scarpe in giro non sarà la scelta giusta per voi! Il vostro caro fido potrebbe usarle come “giochino”. Volete questo per le vostre meravigliose scarpe? Non credo proprio.

9. Documenti e bollette varie? Usate le cartelline

raccoglitori
10 regole per uscire dal disordine (Istock)

Attenzione alla posta e documenti vari, cercate di creare una cartellina o un cassetto solo per i documenti vari di casa, altrimenti potreste perdere tutte quelle scartoffie che rimangono accatastate sotto a giornali e libri.

Potrebbe interessarti anche: Casa troppo caotica? Ecco come tenere in ordine la casa con il metodo Kondo

10. Ordinate casa una volta alla settimana

casa in ordine
10 regole per uscire dal disordine (Istock)

Una volta alla settimana dedicate un po’ di tempo al “riassetto generale”. Non intendo dire alle pulizie, ma proprio al riassetto. Ovvero fate un giretto per la casa e vedete cosa non va. Per esempio, avete abbandonato la sciarpa sul divano? Mettetela al suo posto. Avete lasciato sul comò la serie di anelli e collanine che avevate addosso l’altro giorno e li avete dimenticati li? Via da li. Il phon è sulla lavatrice invece che nel cassetto? Sapete cosa fare.

Sicuramente nonostante il caos farete le pulizie, ma questa piccola mossa vi permetterà di sopperire a quel piccolo caos quotidiano facendovi sembrare la casa subito più pulita e in ordine.

Potrebbe interessarti anche: Come esaudire i tuoi desideri con le 3 Regole anti-pigrizia

Casa ordinata, mente nuova

8 modi per riempire la tua casa di energia e vibrazioni positive
10 regole per uscire dal disordine – Fonte iStock

Sino a quando conserveremo gli oggetti che non ci servono più o terremo le cose per il semplice fatto di “averle lì”, sarà impossibile andare avanti e ancor peggio liberarsi dai pensieri negativi. È necessario disfarsi di tutto ciò che non serve più. Dunque se non hai usato un oggetto o un capo di abbigliamento nell’ultimo anno, sicuramente non lo farete più, dunque la cosa più giusta sarà quella di disfarvene, gettandolo nella pattumiera o regalandolo a chi ne ha più bisogno.

Potrebbe interessarti anche: Psiche | Le 4 parole che curano corpo, mente e spirito – VIDEO

Pulire e tenere in ordine casa vostra significa anche riordinare la vostra mente, l’ambiente in cui vivete e ritrovare una nuova linfa alla vostra vita. Decidetevi  quindi di cambiare modo di pensare semplicemente liberandovi degli oggetti che impediscono alle cose nuove di entrare a far parte della vostra vita.

(Fonte: lamenteemeravigliosa.it)