Home Attualità Nadia Toffa malattia: il cancro che ha ucciso la Iena

Nadia Toffa malattia: il cancro che ha ucciso la Iena

CONDIVIDI

Nadia Toffa malattia: cos’è e che tipo di tumore è il cancro che ha ucciso la conduttrice delle Iene, scomparsa a soli 40 anni dopo una dura battaglia.

nadia toffa malattia

Nadia Toffa è morta oggi, martedì 13 agosto, dopo aver combattuto per oltre un anno e mezzo contro la malattia, ma che tipo di cancro ha ucciso la conduttrice delle Iene che il mondo dello spettacolo sta ricordando con toccanti messaggi sui social?

Se vuoi restare aggiornata su tutto ciò che riguarda gossip, programmi tv e reality e i suoi concorrenti CLICCA QUI

Nadia Toffa malattia: il cancro che ha ucciso la conduttrice delle Iene

nadia toffa malattia

Il 2 dicembre 2017, Nadia Toffa fu colpita da un malore in seguito al quale cominciò la sua battaglia contro il cancro, nel suo caso al cervello. Dopo un’operazione chirurgica, due mesi dopo, Nadia Toffa tornò in tv raccontando così la sua malattia: «Mi sono operata e mi hanno tolto il 100% del tumore. Ma ho fatto radio e chemio preventive».

I sintomi del cancro al cervello dipendono dalla sua localizzazione, ma in presenza di mal di testa, nausea, vomito (soprattutto al risveglio), problemi alla vista, convulsioni epilettiche è consigliabile consultare un medico. Il professor David Khayat, capo del dipartimento di oncologia dell’ospedale Pitié-Salpêtrière di Parigi, nel 2015, a Le Figaro spiegò: “Questi segni appaiono più o meno brutalmente ed è molto spesso chi sta vicino alla persona colpita ad allamarsi perché non può più portare la forchetta alla bocca o formulare anche frasi semplici“.

Potrebbe interessarti anche—>Nadia Toffa: dove e quando si terranno i funerali

Nonostante a dura battagia, Nadia Toffa non ha mai perso i proprio coraggio. In un’intervista al Corriere della Sera, aveva spiegato così la sua scelta di raccontare la battaglia contro il cancro sui social: «Rivendico il diritto di parlare apertamente della nostra malattia. Non è esibizionismo né un credersi invincibili, anzi: è un diritto a sentirsi umani. Anche fragili, ma forti nel reagire».

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI