Home Social

Michelle Hunziker e la clamorosa gaffe su Fabrizio Frizzi

CONDIVIDI
Foto Instagram

Polemica e tutti contro la presentatrice svizzera Michelle Hunziker. Oggetto della discussione: Fabrizio Frizzi.

 

Dopo 30 minuti dall’inizio della puntata della trasmissione presentata dalla soubrette svizzera “Vuoi scommettere?” lei ha ricordato il presentatore romano Fabrizio Frizzi, tragicamente scomparso lo scorso 26 marzo.

Il conduttore trent’anni prima aveva fatto amare agli italiani la sua “Scommettiamo che”, che ora è stato trasformato in  “Vuoi scommetere”. Per questo motivo la ex moglie di Eros Ramazzotti, ha ricevuto parecchie critiche attraverso i social dove lei è sempre presente ma dove non ha mai ricordato Fabrizio.

“Ognuno dovrebbe affrontare il lutto come vuole”

fabrizio frizzi
Settimanale Oggi

La donna alle critiche, a suo tempo, dopo la morte di Fabrizio Frizzi aveva risposto con questo post:

“Ognuno dovrebbe affrontare il lutto come vuole, come può e a sua completa sensibilità e discrezione. Non è assolutamente detto che si abbia sempre voglia di rendere pubblico il proprio dispiacere sui social e non è nemmeno detto che una persona non soffra perché non lo annuncia in un post”.

Aurora Ramazzotti: “Ci sono cose dove mia mamma è un disastro”

Michelle Hunziker torna in Tv assieme alla figlia Aurora

Domanda molto molto pungente per  Aurora Ramazzotti. Alla giovane, nata dalla relazione con Eros, hanno chiesto in cosa è un disastro mamma Michelle Hunziker? E lei, intervistata dal Quotidiano nazionale ha risposto cosi: “…Mhhh devo stare attenta a questa risposta, poi me la devo vedere io. Diciamo che mia mamma è un disastro a ricordarsi le cose. È precisa per molte cose, ma in altre è per aria… Poi a guidare è terribile, e con i social è un disastro, bisogna insegnarle tutto”. Poi parla seriamente quando si parla dei problemi di sua madre con la setta, che l’ha tenuta di fatto prigioniera per anni. Di quel periodo, spiega Aurora, “non ricordo niente. Della mia infanzia ho pochissimi ricordi. Prima dei quindici anni conservo solo qualche frammento”.