Home Attualità

Morbillo, shock a Catania: morta una ragazza di 25 anni: “Me l’hanno ammazzata”

CONDIVIDI

Shock a Catania. Una ragazza di 25 anni è morta a causa del morbillo. La ragazza, Maria Concetta Messina, era ricoverata nell’ospedale “Garibaldi” di Catania e non è riuscita a sopravvivere alle complicazioni causate dalla malattia, che se presa in età adulta può essere ancora più pericolosa di quanto non sia già. La notizia è riportata dal quotidiano ‘La Sicilia’: Maria Concetta è morta lunedì scorso, ma era stata ricoverata al pronto soccorso il 23 marzo scorso per poi essere portata in terapia intensiva.

Poi il trasferimento nel reparto di rianimazione, dove è morta senza che i medici potessero fare nulla. Una morte di morbillo che riapre la questione sui vaccini e sui rischi connessi a quest’infezione, che nella maggior parte dei casi provoca solo danni lievi ma in qualche sua manifestazione più grave può portare anche alla morte, come nel caso di questa ragazza di Catania.

Morbillo, la ragazza morta a Catania: i familiari denunciano l’ospedale

Ora, dal caso di morbillo che ha ucciso una ragazza catanese di 25 anni, potrebbe nascere un’inchiesta giudiziaria. I familiari di Maria Concetta Messina hanno presentato una denuncia ai carabinieri, che hanno sequestrato le cartelle cliniche. Non si dà pace la madre della ragazza, Maria Di Bella: “Me l’hanno ammazzata. Mia figlia è entrata per il morbillo ed è uscita morta. Non dico che non l’abbiano curata, ma secondo me c’è stata parecchia negligenza. Era buttata su una barella e ci è rimasta per ore ed ore assieme ad altre persone che avevano il morbillo nella stessa stanza. Può essere normale che si sia aggravata in così breve tempo?”.

Nella ricostruzione de ‘La Sicilia’, la ragazza era stata visitata una settimana fa dal medico di famiglia, che non era riuscito a diagnosticare il morbillo, prescrivendole una cura a base di paracetamolo e antibiotico per ridurre la febbre. Poi le macchie sulla pelle e la febbre che saliva, gli accertamenti e la scoperta del morbillo. Un aggravarsi improvviso delle sue condizioni ha reso impossibile salvarla. Alle indagini il compito di fare luce sul caso.