Home Attualità

Sanremo 2018: testo della canzone di Ron “Almeno pensami”

CONDIVIDI

Ron

Un cantante che non ha certo bisogno di presentazioni è Ron, già noto al Festival di Sanremo ed al pubblico italiano che da anni si innamora tra le noti le sue canzoni. Quest’anno, alla bravura dell’artista si è unito un testo scritto da Lucio Dalla. Un particolare che ha portato non poca commozione sul palco dell’Ariston, testimone di un duetto invisibile tra Ron ed il compianto Dalla. La canzone “Almeno pensami” parla di un amore non corrisposto ma in grado di andare oltre il tempo e lo spazio e che si ripromette di superare anche la morte.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Sanremo 2018: testo della canzone di Annalisa: “Il mondo prima di te”

Almeno pensami

Ah fossi un piccione
Che dai tetti vola giù fino al suo cuore
Almeno fossi in quel bicchiere
Che quando beve le andrei giù fino a un suo piede
Fossi morto tornerei
Per rivederla ogni mattina quando esce
Avessi il mare in una mano
Ce ne andremo via fino al punto più lontano

Almeno pensami
Senza pensarci pensami
Se vai lontano scrivimi
Anche senza mani scrivimi
Se è troppo buio chiamami
Prendi il telefono parlami
Io e la notte siamo qua
Ma come si fa
A tenere un cuore
Se ho le mani sempre sporche di carbone
Son già passati mille anni
Tanto è il tempo che ti guardo e non mi parli
Senza lei io morirei
Ma chiudo gli occhi e so sempre dove sei
Sempre più lontano
O dentro questa goccia che mi è caduta sulla mano

Almeno pensami
Senza pensarci pensami
Se vai lontano scrivimi
Anche senza mani scrivimi…
Se è troppo buio chiamami
Prendi il telefono, parlami
Io e la notte siamo qua
Ma come si fa

Almeno pensami
Senza pensarci pensami
Se vai lontano scrivimi
Anche senza mani scrivimi…
Se è troppo buio chiamami
Prendi il telefono, parlami
Io e la notte siamo qua…
Se è troppo buio svegliati
Se stai dormendo sognami
Se mi sogni io sono lì
Dentro di te
Sempre più lontano
O dentro questa goccia che mi è caduta sulla mano

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Sanremo 2018: testo della canzone dei The Kolors: “Frida (mai, mai, mai)”