Home Tatuaggi

Tatuaggi, ecco perché devono essere dispari

CONDIVIDI

tatuaggioVi siete mai chiesti come mai da sempre, chi ama tatuare la propria pelle, non porta mai un numero pari di tatuaggi? La tradizione viene da molto lontano, e nella precisione da una superstizione dei marinai del lontano ‘800. Quando infatti i marinai partivano per lunghi viaggi in nave, usavano farsi un tatuaggio alla partenza da casa, il secondo veniva poi fatto quando la nave giungeva a destinazione. Il terzo invece era tatuato sulla pelle quando il marinaio tornava a casa ed era al sicuro tra le proprie mura domestiche.

Il fatto quindi di avere un numero dispari di tatuaggi voleva dire di essere a ‘casa’, nella tranquillità familiare, dalla quale invece spesso i marinai erano lontani. Quando invece i tatuaggi erano dispari, significava che il destino degli uomini non era ancora sicuro, visto il viaggio in mare aperto che ancora li attendeva.

Questa usanza dei tatuaggi si è poi estesa nei secoli anche alla ‘gente comune’ che però ha mantenuto la superstizione legata al numero di tatuaggi da sfoggiare sulla propria pelle.