Home Salute e Benessere

5 falsi miti sulla pillola, tutti da sfatare

CONDIVIDI
iStock Photo

E’ l’anticoncezionale più diffuso ma, paradossalmente, anche quello a cui sono legate più dicerie e falsi miti. La pillola fa ingrassare, fa venire il cancro, abbassa la libido e così via: chi non ha mai sentito dire tutto ciò? E soprattutto, chi non ha mai pensato “io rinuncio” di fronti a simili tragiche prospettive?

CheDonna.it oggi vuole spezzare una lancia in favore di questa piccola pastiglia amica delle donne e sfatare 5 falsi miti che, già da troppo tempo, circolano a suo discapito.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Pillola anticoncezionale: pro e contro di un metodo molto amato dalla coppia

Ecco le 5 credenze popolari più diffuse ma anche piùfalsi circa la pillola anticoncezionale:

1 – La pillola inibisce il desiderio sessuale

Pensare che invece potrebbe essere l’esatto contrario. Immaginate quanto entrambi i partner potrebbero godersi di più un rapporto sicuro, senza il rischio di una gravidanza indesiderata. Maggior relax e leggerezza non possono che essere amici dell’intesa di coppia

2 – La pillola fa ingrassare

Forse era vero un tmepo, quando la scelta si limitava a quattro o cinque prodotti. Oggiperò vi è una varietà tanto sterminata tra cui scegliere che, senza dubbio, ogni donna potrà trovare il prodotto più adatto a lei e che non incida in alcun modo sul proprio aspetto fisico

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Pillola: 5 cose da sapere prima di prenderla

3 – La pillola può alterare l’umore

Recenti studi hanno provato l’esatto contrario, ovvero una capacità per i contraccettivi orali di evitare gli sbalzi umorali tipici della sindrome pre-mestruale

4 – La pillola fa venire il cancro

Tumore all’ovaio, all’utero e al colon retto possono ivnece esser prevenuti dall’uso della pillola. Smili problematiche si erano poste anni or sono, con prodotti oramai fuori commercio da tempo

5 – La pillola aumenta il rischio di trombosi venosa

E’ vero, la pillola può aumntare tale rischio ma in misura assolutamente lieve e, sorpattutto, in soggetti già predisposti che quindi dovrebbero evitare a priori qualsiasi genere di cura ormonale.