Home Social

Rémi Gaillard: il re degli scherzi!

CONDIVIDI

Chiunque di noi nel corso della propria vita ha ordito scherzi a danno di amici o parenti o ne è stato, a sua volta, vittima. Alcune volte si sarà trattato di scherzi ben riusciti, altre volte, forse la maggior parte, di fallimenti completi. Ad ogni modo uno scherzo è sempre un’occasione per spezzare la routine quotidiana con due sane risate e c’è chi, della burla, non ne ha fatto solo la sua professione, ma una vera e propria ragione di vita.

Stiamo parlando di Rémi Gaillard e, per chi non lo conoscesse, è da più di dieci anni, il vero e proprio re della beffa!

 Rémi Gaillard

E’ riuscito in imprese davvero incredibili

La “carriera” di professionista del “pesce d’Aprile” di Rémi è iniziata nel 1999 a Montpellier, di dove è originario, facendosi la doccia in autolavaggio. Ora ha da poco compiuto 40 anni ma di certo la sua voglia di scherzare non è diminuita. Anzi, è forse più prolifico ora di quanto non lo sia mai stato!

Imperversa ormai non solo nelle strade francesi, ma in tutto il mondo, ovunque la voglia di menare per il naso qualcuno lo porti. Non ha rispetto per nessuno, che siano uomini, donne, giovani e anziani, forze di polizia e chi più ne ha più ne metta. Non si contano ormai le volte in cui è finito al fresco per qualche sua bravata, ma ogni volta ne esce più agguerrito di prima.

Le sue specializzazioni sono le beffe in costume, come potrete vedere voi stessi, ma una delle sue grandi doti è quella di poter passare indisturbato tra le maglie di sicurezza degli eventi sportivi più importanti, tanto da essere riuscito, nella finale di calcio della Coupe de France del 2002, ad infilarsi tra i giocatori fingendosi uno di loro e andando addirittura a ricevere il saluto dell’allora Presidente Jacques Chirac.

Certamente alcune delle sue burle possono risultare un po’ pesanti e al limite dell’accettabilità, ma ad ogni modo è pressoché impossibile non farsi una risata guardando la carrellata di scherzi che il “God of trolling” (questo è il soprannome che gli è stato affibbiato) ha prodotto in questi anni di attività e che vi proponiamo nel video qui sotto dedicandolo al Primo Aprile.