Home Intimità

L’amico di letto, le tipologie principali della relazione moderna

CONDIVIDI

Sempre più donne si ritrovano a vivere relazioni che fanno fatica ad essere definite, l’insieme di queste interazioni ibride finisce nel calderone con su scritto “amico di letto”. La rivoluzione sessuale femminile ha rotto ogni tabù mentale e a spinto sempre più ragazze a vivere rapporti senza alcun legame di tipo affettivo ma soltanto per puro piacere. Se questa sia o no una conquista o un evoluzione lo lasciamo giudicare a ciascuno di voi, tuttavia esistono diverse tipologie di relazioni con l’amico di letto, chedonna.it ve ne illustra alcune tra le più diffuse.

amici letto

 Un amico, un futuro fidanzato, un amante, scopri cosa si nasconde dietro la tua relazione conoscendo meglio il tuo “amico” e i suoi comportamenti.

Amici di letto, scopri a quale categoria appartiene il tuo

Gli uomini in questi ultimi anni vivono una crisi di identità che li ha portati sempre più a declinare le responsabilità che invece appartenevano loro originariamente. La donna nella maggior parte dei casi è portata a cercare una relazione stabile, ma di fronte ad un quadro poco chiaro, forse tende ad adattarsi e a vivere alla giornata ricercando il piacere in brevi e fugaci esperienze “fast”che forse alimentano un vuoto che prima o poi si paleserà al loro cuore e alla loro autostima. Ma scopriamo insieme le varie tipologie di amico di letto.

-La relazione dell’sms, ci si scrive, ci si incontra e poi arrivederci, ognuno torna alla sua routine. Lineare, priva di sentimenti, almeno in apparenza.

-La relazione “chiodo scaccia chiodo”. Uno dei due vuole riuscire a dimenticare un amore perduto e si lascia coinvolgere in una relazione che apparentemente non ha nulla da chiedere e non porta a nulla.

-La relazione “fuori controllo”, un fugace incontro creato dai fumi dell’alcool, la classica sveltina post serata in discoteca, in cui ti riprendi e ti accorgi di avere accanto uno sconosciuto.

-La relazione “vorrei ma non posso”. Lei è single, lui è quasi impegnato ma ci si incontra e si consumano serate bollenti.

-La relazione “migliore amico”. Siete amici da sempre ma quando l’ormone scatta va onorato!

-La relazione “mi faccio del male”. Lei innamorata e lui che non vuole impegni.

Il filo conduttore tra tutte queste relazioni, è sicuramente l’insoddisfazione. Si cerca una relazione non impegnativa perchè si è sofferto molto, perchè interiormente si pensa di non meritarla o di non essere in grado di accogliere un rapporto impegnativo. Forse varrebbe la pena lavorare più su noi stesse, capire che tipo di relazione potrebbe farci davvero felici ed arrivare alla consapevolezza che possiamo trovarla, senza paure e senza troppi giri mentali. Noi siamo donne, oltre alla gambe c’è di più!