Home Intimità

Verginità: i miti da sfatare

CONDIVIDI

Sesso, i falsi miti sulla verginità – Verginità: chi non ce l’ha più pensa di sapere tutto di lei, chi ancora la ‘possiede’ spesso non vede l’ora di liberarsene… ma siamo sicure di sapere tutto al riguardo? In realtà ci sono dei miti da sfatare su questo argomento, importanti al punto da mettere in dubbio il concetto stesso di verginità.

virgin

Da ragazze, prima di perderla, se ne è parlato molto, è stata oggetto di discussioni e sogni ad occhi aperti che riguardavano l’elettrizzante e pauroso momento in cui sarebbe svanita per sempre… la verginità. Ora che siamo cresciute e pensiamo di sapere tutto al riguardo, è arrivato invece il momento in cui le nostre convinzioni inizieranno a vacillare… eh già, perchè oggi sfateremo alcuni falsi miti sulla verginità ai quali crediamo anche una volta raggiunta la maturità.

1) La verginità dipende dalla rottura o meno dell’imene: falso. C’è chi ha avuto diversi amanti e lo ha ancora intatto, chi lo ha perso durante la pubertà per altri motivi… non è questo a determinare la verginità di una donna!

2) C’è un momento giusto per perderla: falso. Non esiste il momento perfetto, ogni donna ha i suoi tempi e le sue esigenze… che sia a 16 o a 30 anni non cambia, l’importante è essere convinte!

3) Una volta persa non si recupera più: insomma. Era così fino a che non hanno inventato un kit per ricreare l’imene, venduto su internet per appena 30 dollari. Paura.

4) La verginità è: cosa? Avete mai riflettuto sul vero significato del concetto di verginità? Se, come si pensa nella maggior parte dei casi, perdere la verginità vuol dire subire la penetrazione da un uomo, allora tutte le donne che non hanno avuto mai un uomo, ma solo partner dello stesso loro sesso, sono vergini? Non sarà mica che, in fondo, la verginità non esiste?

Per altri consigli sul sesso clicca qui