Anna Politkovskaja: donna e giornalista per i diritti umani

Getty Images

Un giardino a Milano per ricordare una grande giornalista donna – Anna Politkovskaja era un giornalista combattiva, ma prima di tutto era una donna che non sopportave le ingiustizie al punto da tale da rischiare più volte la morte per non venire meno alla sua “vocazione”. Nata nel 1958 a New York ha iniziato a lavorare nel giornale Izvestija e poi per la Novaja Gazet. Proprio in questa testata ha iniziato a seguire e a occuparsi del conflitto in Cecenia.

La sua dedizione l’ha portata a vincere il Global award di Amnesty International per il giornalismo in difesa dei diritti umani nel 2001, ma la sua carriera non si è fermata qui. La sua missione giornalistica l’ha portata a esssere la negoziatrice durante il terribile assedio al teatro Dubrovka di Mosca nel 2003, a subire un avvelenamento durante un volo verso Beslan e, infine, ad essere assassinata a Mosca nel 2006.

Oggi a Milano, per celebrare una donna e una giornalista come poche nel mondo, si terrà la cerimonia di intitolazione del giardino tra viale don Luigi Sturzo e corso Como proprio alla giornalista Anna Politkovskaja. Tutto questo proprio grazie all’associazione “Anna viva”.

Per tutte le storie di CheDonna e il Sociale CLICCA QUI

 

 

Da leggere