Home Attualità

MATERNITA’: Gattona o non gattona, questo è il dilemma

CONDIVIDI

 Era solo ieri che li tenevate sorretti da cuscini e ciondolavano ansiosi di scoprire il mondo al di là del loro tappeto pieno di giochi. Ed è già oggi che a gattoni scorrazzano rapidi da un capo all’altro della sala ridendo e accelerando in modo inaspettato quando li inseguite in una gara il cui vincitore è già scritto. L’emozione dei primi passi sta per arrivare quindi godiamoci questo fantastico momento nella vita dei nostri figli!

Non tutti i bambini gattonano: questo l’assunto da cui è importante partire. C’è chi imperterrito cerca di mettersi in piedi sfruttando l’appoggio amico della sedia più vicina e chi potrebbe partecipare alla maratona di questa specialità piazzandosi con facilità sul gradino più alto del podio. Alcuni poi si specializzano nel gattonamento all’indietro: in una infinita retromarcia percorrono notevoli distanze con grande soddisfazione, provocando i sorrisi degli “spettatori” e inizialmente le perplessità dei genitori.

L’approccio con il mondo ancora tutto da scoprire parte proprio dal gattonamento o dai primi tentativi di movimento ancora a metà tra le quattro “zampe” e i due piedini. Lasciateli liberi di esplorare la casa (che sarà stata messa in sicurezza per tempo), aiutateli a scoprire sempre nuovi traguardi premiandoli all’arrivo con il loro gioco preferito, fatevi inseguire e cercate di prenderli per stringerli in un abbraccio delicato: divertitevi a osservarli in questo lasso di tempo così pieno di novità e sorprese. Fissate il ricordo di questi attimi meravigliosi con foto e video: tra qualche anno vi divertirete insieme a guardare quello strano movimento che rappresenta l’ingresso nella baby indipendenza!