Home Attualità

CUCINA: BUDINO DI RISO ALLE FRAGOLE passo passo con Greta Isella

CONDIVIDI

Arriva la primavera e fa subito capolino la voglia di fragole, accompagnata dall’esigenza di una merenda un po’ più fresca della fetta di torta che ci ha accompagnato per tutto l’inverno.

Questo budino, che non può non riuscire data l’assoluta semplicità, è una soluzione eccellente per accontentare, all’ora della merenda, i bambini, anche piccoli se cambiate la frutta (di solito i frutti rossi sono sconsigliati nei primi mesi dello svezzamento)  scegliendo per esempio le mele o le pere e se dimezzate la dose di agar agar, ottenendo una crema più che un budino.

E poi, particolare non irrilevante per chi spesso dimentica le cose in frigo o prepara dosi per un esercito, è un espediente Svuota-Frigo come si suol dire; l’arte del riciclare gli ingredienti per ottenere altro è una mia prerogativa, tanto che ai miei corsi di cucina dedico di solito almeno una lezione.

INGREDIENTI (per 6 budini):

VIDEO NEWSLETTER

250 g di riso bianco

170 g di fragole pulite e mondate

3 cucchiai di malto di riso + 1 cucchiaino

300 ml di latte di riso

1 pizzico di vaniglia bourbon in polvere

1 cucchiaio scarso di agar agar in polvere

1 cucchiaino di scorza di limone grattugiata

PROCEDIMENTO:

1

Partiamo dalla foto e dalla descrizione dell’unico ingrediente un po’ strano per chi non è avvezzo alla cucina naturale, l’AGAR AGAR: si tratta semplicemente di un’alga, del sostituto naturale della colla di pesce, che è prodotta a partire da cotenne di maiale, cartilagine e ossa bovine.  L’agar agar invece è un addensante gelificante naturale, molto utilizzato in realtà nell’industria alimentare ma poco conosciuto nelle preparazioni domestiche. Si tratta di un polisaccaride derivato dalle alghe rosse, in giapponese è conosciuto col nome di kanten. Ha un potere gelificante elevatissimo, la gelatina che si ottiene è molto più dura di quella che si ottiene con la colla di pesce, e il liquido in cui si stempera l’agar agar deve bollire per poi raffreddarsi completamente a temperatura ambiente. In commercio (nelle erboristerie e nei negozi di alimenti bio e naturali) lo si trova in polvere, in fiocchi e in stecche; le dosi e la modalità di utilizzo sono sempre scritte sulla confezione.

2

Mescolate al riso bollito (io ne cuocio sempre tanto, da sfruttare per tutti: saltato con qualsiasi spezia e verdura diventa la cena di mamma e papà, saltato con le verdure o al sugo la cena della pupa grande, frullato con le carote lessate si trasforma nella pappa del pupo svezzato da poco) il malto di riso che vedete fotografato e di cui già vi avevo raccontato qualcosa nella ricetta della Torta di pere al Malto. Incorporate tutti gli altri ingredienti: le fragole (tranne 3 che terrete da parte), scorza di limone, agar agar, vaniglia bourbon in polvere e latte di riso, che è adatto anche ai bimbi molto piccoli ed ha un sapore naturalmente dolce e molto gradevole.

Frullate il tutto con un frullatore ad immersione.

3

Versate questo composto profumato in una casseruola e portate, tenendo la fiamma molto bassa, lentamente a bollore; fate sobbollire per qualche minuto, quindi travasate nelle coppette da budino e lasciate raffreddare.

Decorate con qualche goccia di sciroppo alle fragole ottenuto dalle 3 fragole tenute da parte frullate insieme ad un cucchiaino di malto.

Riponete in frigo per almeno 30 minuti prima di servire e buona merenda a tutti!

Consultate il mio sito e scrivetemi:

HYPERLINK “http://www.cuocamattarella.it” www.cuocamattarella.it

greta@cuocamattarella.it