Home Attualità

NONNI, ASILO O BABY SITTER

CONDIVIDI

Il momento del distacco, come affrontarlo – Il distacco dalle braccia rassicuranti della mamma è sempre un momento di tensione, a volte avviene troppo presto per esigenze personali e lavorative della mamma, ma comporta sempre la scelta e la preoccupazione se è meglio affidare i nostri cuccioli ai nonni oppure se iscriverli direttamente all’asilo nido.

Ci sono dei pro e dei contro, ma comunque sia la madre dovrebbe essere aiutata ad evitare un eccessivo attaccamento e a liberarsi dei sensi di colpa, perché una madre più libera sa amare meglio i propri figli.

Affidando i propri figli all’amorevole accudimento dei nonni ci si vedrà costretti ad inevitabili compromessi educativi e tensioni familiari, mentre chi sceglie l’asilo nido i primi tempi dovrà affrontare probabilmente i malesseri tipici dell’infanzia, ma donerà sicuramente ai propri figli un’esperienza di socializzazione.

Il bambino tende spontaneamente al gruppo in modi e tempi diversi chiaramente, in base al carattere e alle situazioni ambientali e familiari e poi al giorno d’oggi, dove predomina la precoce influenza imitativa, anche per via della tv e grazie a dei buoni cartoni animati sugli animali o storie di bambini e giochi collettivi.

VIDEO NEWSLETTER

Il fattore dominante in questo momento di distacco sarà la maturità della mamma e la capacità inconscia di amare il proprio figlio, spesso infatti sono proprio i genitori ad avere un’inconsapevole e pericolosa incapacità a staccarsi dal proprio cucciolo.

Lo studioso John Bowlby nella sua “teoria dell’attaccamento” sostiene tra l’altro che la capacità del bambino di vivere con equilibrio il contrasto tra il naturale attaccamento iniziale e la necessaria separazione, dipende dalla maturità dei propri genitori e dalla qualità delle relazioni che ha sperimentato nei primi mesi di vita.

Attenzione però qualunque sia la decisione presa, i genitori dovranno avere molto carattere e tanta saggezza nel momento cruciale della concreta separazione, i cosidetti “no” che aiutano a crescere sono proprio quelli indispensabili al momento della separazione, che sia con i nonni o al nido.

Un commiato tranquillo e fiducioso crea nel bimbo la prospettiva che trascorrerà ore piacevoli, naturalmente la separazione dovrà essere preparata gradualmente con dolcezza e intelligenza, scegliendo con cura le persone o la comunità scolastica alla quale affidare il proprio bambino, iniziando con la gestione del delicato periodo dell’inserimento.

PER LEGGERE TUTTI GLI ARTICOLI SULLA MAMMA CLICCA QUI