Home Attualità - Tutte le news in tempo reale Grande Fratello 11: Andrea, Szilvia e Marian – il confronto tra i...

Grande Fratello 11: Andrea, Szilvia e Marian – il confronto tra i due uomini

CONDIVIDI

Andrea e Marian, l’amante di Szilvia, a confronto

Come tutti ci aspettavamo la diretta del Grande Fratello inizia con la notizia che sconvolgerà la vita di Andrea Cocco; l’amante di Szilvia, Marian, stasera è in studio per avere un faccia a faccia con il nostro italo-giapponese.

Alessia cerca di introdurre il discorso alla larga, non anticipando nulla al modello, ma facendo rivedere l’RVM della scorsa settimana, della telefonata un po’ fedda di Szilvia e dei pensieri che da lunedì scorso hanno assalito Andrea.

“Nonostante io possa star male qui dentro -commenta Andrea- devo aver fiducia in lei e aspettare di rivederla…Io non vorrei credere a quello che ho sentito, anche se i dubbi ovviamente ci sono….Devo rimanere con le convinzioni con le quali sono entrato, altrimenti non riuscirei a restare qui…”

“Perchè non le hai chiesto delle conferme al telefono?” chiede Alessia.

“Perchè in quel momento la cosa che mi serviva era che lei mi amasse, che la sentissi come quando sono entrato, non mi ha nemmeno sfiorato l’idea di chiederle chiarimenti…”

“Voi, Margherita e Guendalina, non siete convinte…” Alessia si riferisce ai dubbi che le due amiche hanno avuto sentendo la telefonata di lunedì.

“Da donna l’ho sentita distaccata….ma lui mi ha detto che questo è il suo carattere…” inizia Guendalina.

“Ale non doveva essere lui a chiedere chiarimenti, ma lei, sapendo quello che lui sta passando…mi sembrerebbe i minimo!” conclude Margherita.

Il programma va avanti, e a metà serata è di nuovo il momento di Andrea. Viene chiamato in confessionale e gli vengono mostrate le immagini di Domenica Cinque di ieri sera.

“Io con Szilvia ci sto da circa sei mesi….Io mi sentivo molto il suo fidanzato….io non sapevo di lui…..lei mi disse di non avere un fidanzato…..la sera prima della telefonata di lunedì scorso lei dormì a casa mia…” Queste e altre le paroleche Andrea sente uscire dalla bocca di Marian, il fidanzato di Szilvia.

“Io sto malissimo in questo momento….Vorrei sentire lei se si potesse….” Andrea non sembra riuscire a credere da subito a queste cose.

Prende la parola Signorini: “Marian ha portato delle prove, ci sono dei messaggi, delle foto che dimostrano in maniera esplicita la loro intimità, quindi non ci sono solo parole di quest’uomo, ma anche dei fatti purtroppo. Cerca di valutare tutto….”

“Ma io come faccio adesso a stare qua dentro alfonso? Dimmelo….” chiede in lacrime Andrea.

“Per quello che hai dimostrato fin’ora…”

“Io in questo momento ho perso una delle motivazioni che mi spingevano a stare qua dentro….”

Andrea è distrutto, appena uscito dal confessionale corre via, a piangere e riflettere sulle scale. I ragazzi in casa sono allibiti, come noi del resto.

‘Chi ha i denti non ha il pane e chi ha il pane non ha i denti’, mai detto fu più azzeccato. Andrea è l’uomo che ogni donna sogna al suo fianco, non credo di sbagliare nell’affermare che tutte noi vorremmo avere un compagno così…

La tortura per Andrea però non termina qui. Infatti viene chiamato nel salone da solo, davanti la parete mobile, e dall’altra parte, ad aspettarlo, c’è Marian.

“Ho cercato di capire come posso dirti certe cose…è molto difficile…Sono venuto qua per mettere chiarezza…Parlo da uomo a uomo, io all’inizio non sapevo di te. Io la conobbi a luglio, io con lei sono stato quasi 6 mesi, sono rimasto in disparte, ma poi mi sono venuti a cercare e ho dovuto parlare. Io credevo a lei, la nostra storia è iniziata a Settembre, quando tu sei venuto a settembre a Milano, lei era a casa mia. Io ti capisco, e so come ti senti, ci sono passato anche io. Mi dispiace che lei abbia giocato con i nostri sentimenti.”

“Io non sono arrabbiato con te….ma non voglio sentire altro…”

“Io spero che tu capisca che persona è lei…”

“Mi sembra solo strano che tu sia rimasto nascosto fin’ora…”

“Tu non sai tante cose, lei diceva di non volerti lasciare davanti a tutti per non fare brutta figura”

“Ma non ha senso quello che è successo, il fatto che tu sapessi che stava con me e tu non le hai detto nulla!”

“Io sono stato debole, quello è vero, lei è stata brava a farmi ricadere”

Il confronto termina così, Andrea allibito, ma adesso anche tanto arrabiato.