14 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

CINEMA: Intervista a Hayao Miyazaki, maestro de "La città incantata"

  • CINEMA: Intervista a Hayao Miyazaki, maestro de "La città incantata"
Il maestro dell?animazione?Hayao Miyazaki?torna al cinema con il capolavoro?Premio Oscar?come?Miglior Film d?Animazione?(2003) e?Orso d?oro al Festival di Berlino?(2002):?La citt? incantata. Il film sar?nelle sale solo i giorni

Il maestro dell’animazione Hayao Miyazaki torna al cinema con il capolavoro Premio Oscar come Miglior Film d’Animazione (2003) e Orso d’oro al Festival di Berlino (2002): La città incantata.
Il film sarà nelle sale solo i giorni 25-26-27 giugno distribuito da Lucky Red.
Ecco qualche consiglio per capire a fondo La città incantata. La città incantata si svolge in una specie di stabilimento termale.
E' un'immagine della sua infanzia? Assolutamente sì.
Il punto di partenza del film è mostrare le divinità e gli spiriti che vanno alle terme, o “yuya” come si dice in giapponese, per rilassarsi.
Ed è vero.
Ho dei ricordi molto nitidi degli “yuyas” della mia infanzia.
E' stato proprio in uno di quei posti che ho visto per la prima volta un quadro occidentale.
Da bambino, una volta ho anche notato una porticina che si trovava nell'area principale di uno “yuya”.
Quella porticina e quello che avrebbe potuto nascondersi dietro, mi perseguitarono per diverse notti.
Era da tempo che desideravo realizzare un film che esplorasse quel mistero.
Ho reso il soggetto più interessante mettendo le divinità al centro della trama.
Presumo che le divinità del folklore giapponese, proprio come gli uomini d'affari, abbiano bisogno di fortificarsi in acque calde prima di andare a lavorare.
Naturalmente, gli dei desidererebbero rimanere a mollo più a lungo, ma sono costretti ad uscire quando si conclude il fine-settimana.
Immagino che anche le divinità oggi siano molto indaffarate. Da dove ha tratto l'ispirazione per descrivere le divinità con una tale ricchezza di dettagli? In Giappone, da migliaia di anni, crediamo che i Kami (vale a dire gli dei) e i Rei (e cioè gli spiriti) siano ovunque: nei fiumi, in ogni singolo albero, in ogni casa e cucina.
Quando ho concepito La città incantata, dovevo visualizzare tutti questi Kamis.
Diciamo che in generale le raffigurazioni che vedrete nel film sono frutto della mia immaginazione, ma alcune sono state tratte dal folklore giapponese. Il personaggio “senza volto” de La città incantata interpreta un ruolo molto particolare, vero? Sì.
Mi piaceva molto l'idea di questa divinità vagabonda che non ha nessun riferimento con la tradizione giapponese.
Infatti, Kaonashi rappresenta il Giappone contemporaneo.
Molti sono convinti che i soldi bastino ad assicurare la felicità.
Ma Kaonashi riesce veramente a renderli felici regalandogli l'oro? La cosa che mi interessava di più era la reazione del pubblico davanti a questo quesito.
Alcuni hanno pensato che “senza volto” fosse una madre, altri che fosse un padre.
Ho ricevuto una lettera da un ragazzino nella quale mi diceva di essere molto triste perché “senza volto” non aveva un posto dove andare.
Mi ha scritto di aver pianto di gioia quando Chihiro gli ha permesso di prendere il treno con lei. Il personaggio di Okusare-Sama (in giapponese, kusare vuol dire marcio) è un'allegoria dei fiumi inquinati che devono essere ripuliti? Non spetta a me educare il pubblico all'ecologia e al rispetto dell'ambiente.
Tuttavia, ho messo le mie esperienze personali in tutti i miei film ed è vero che contribuisco a pulire il fiume che scorre vicino a casa mia.
Preferisco di gran lunga gli alberi al cemento ed è per questo che nei miei film mostro volentieri fiumi ed alberi.
In ogni modo, così facendo non intendo insegnare niente a nessuno. Le divinità Onama-Sama del suo film somigliano alle creature tratte dal Namahage, originarie della provincia di Oga, che terrorizzano i bambini di campagna una volta l'anno.
E' un caso che le abbia inserite nel suo film? Sì e no.
Conosco i mostri di cui parla ma la loro presenza nel film non ha nessun significato particolare. La città incantata potrebbe essere considerato una specie di viaggio all'interno di Studio Ghibli.
Infatti il lungometraggio ha molti riferimenti visivi ai suoi vecchi film, e in alcune delle divinità è possibile riconoscere dei suoi collaboratori. E' esattamente così.
Io per esempio m’identifico con Kamaji mentre Yubaba è il Signor Suzuki, il presidente di Ghibli.
Il funzionamento e l'organizzazione del bagno termale sono in effetti molto simili a quelli della nostra società.
Chihiro potrebbe essere considerata una giovane disegnatrice che è venuta a trovarci.
Quando arriva, si imbatte in Yubaba che urla e impartisce ordini a tutti.
Nel frattempo, Kamaji è costretto a lavorare moltissimo per obbedire agli ordini di Yubaba.
Ha talmente tanto lavoro che non gli bastano più le braccia e le gambe per finirlo.
Per quanto riguarda Chihiro, deve rendersi utile se non vuole che Yubaba la faccia sparire per sempre, vale dire la licenzi. Più che due sorelle gemelle, Yubaba e Zeniba sono due aspetti della stessa persona, non è vero? Yubaba rappresenta la persona che lavora e Zeniba è la sua versione domestica.
Tutti noi conosciamo delle persone che sono molto aggressive sul lavoro, ma che quando rientrano a casa sono molto più miti e gentili. In quasi tutti i suoi film c'è una presenza religiosa, animistica, che si percepisce sotto la superficie. In Giappone la religione è una questione culturale piuttosto che un qualcosa che attrae necessariamente dei seguaci.
La religione, che si tratti del Buddismo o dello Shintoismo, è onnipresente anche se la sua presenza non si fa mai sentire in maniera esagerata o schiacciante.
I simboli religiosi sono disseminati ovunque, proprio come nei miei film, ma in maniera discreta.
Sono la testimonianza di una tradizione e di una realtà.
Devono essere stati gli agricoltori ad aver favorito i culti naturalisti che sono ormai parte integrante della religione giapponese.
Il legame con la natura è un elemento essenziale dell'anima giapponese. Qual è stata la sfida maggiore che ha dovuto affrontare ne La città incantata? Quando ho finito di leggere la sceneggiatura, ho capito che ne sarebbe venuto fuori un film di tre ore.
Naturalmente Suzuki mi ha detto subito che non avevamo i soldi per terminare il progetto in tempo se volevamo che uscisse nell'estate del 2001.
A quel punto la scelta era tra accorciare il copione o spostare l'uscita del film al 2002.
Io ero convinto che il film rispecchiasse fedelmente la condizione mentale della nostra epoca e temevo che nel 2002 le cose sarebbero cambiate a tal punto da far sembrare le mie idee già datate.
Adattare la storia per avere un film più breve è stata la cosa più difficile. Per la prima volta nella sua carriera, ha collaborato con una società straniera per poter rispettare i tempi di uscita del film.
Che mi dice di questa esperienza? Abbiamo fatto una ricerca e ci siamo resi conti che se avessimo lavorato contando solo ed esclusivamente sulle risorse disponibili nel nostro paese, non avremmo rispettato i termini.
A quel punto abbiamo preso contatto con la D.R.
Digital in Corea per affidargli la realizzazione di alcuni intervalli e della colorazione digitale di alcune parti.
Pur conoscendo l'ottima reputazione della D.R., eravamo un po' in ansia ma abbiamo dovuto ricrederci perché lo staff coreano si è dimostrato estremamente competente.
Hanno lavorato molto bene e molto velocemente.
Non avrei nessuna esitazione a collaborare nuovamente con loro in futuro. La città incantata è uno dei maggiori successi della storia del cinema giapponese.
Ne è orgoglioso? Non ne farei una questione di orgoglio perché qualunque sia il risultato di un film - successo o completo fallimento - io lo accetto, lo valuto e me ne servo per crescere e migliorare.
Detto ciò, è evidente che sono sempre felice quando un film incassa più di quanto è costato, perché questo ci permette di pensare già ad un altro film da realizzare con meno vincoli e limitazioni economici. Continua a non avere tempo per vedere altri film giapponesi d'animazione? Esatto e quindi non posso parlare dell'argomento.

Articoli Correlati