16 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

CARO AVVOCATO: obbligatorio il pos per i professionisti

  • CARO AVVOCATO: obbligatorio il pos per i professionisti
L'avvocato Sara Testa Marcelli risponde: Il TAR Lazio ? stato chiamato a decidere sull'applicabilit? della normativa concernente l'obbligo di munirsi di POS a carico dei professionisti, in modo tale da garantire il pagamento

L'avvocato Sara Testa Marcelli risponde: Il TAR Lazio è stato chiamato a decidere sull'applicabilità della normativa concernente l'obbligo di munirsi di POS a carico dei professionisti, in modo tale da garantire il pagamento attraverso carte di debito con conseguente obbligo di accettare pagamenti superiori a 30 euro. Il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori ha impugnato del Decreto Ministeriale del 24 gennaio 2014 del Ministro dello Sviluppo Economico attuativo dell’art.
15, comma 5, D.L.
18 ottobre 2012, n.
179 il quale prevede che “4.
A decorrere dal 1° gennaio 2014, i soggetti che effettuano l'attività di vendita di prodotti e di prestazione di servizi, anche professionali, sono tenuti ad accettare anche pagamenti effettuati attraverso carte di debito.
Sono in ogni caso fatte salve le disposizioni del decreto legislativo 21 novembre 2007, n.
231.
5.
Con uno o più decreti del Ministro dello sviluppo economico, dell'economia e delle finanze, sentita la Banca d'Italia, vengono disciplinati gli eventuali importi minimi, le modalità e i termini, anche in relazione ai soggetti interessati, di attuazione della disposizione di cui al comma precedente.
Con i medesimi decreti può essere disposta l'estensione degli obblighi a ulteriori strumenti di pagamento elettronici anche con tecnologie mobili.”. Il TAR ha reso una pronuncia sfavorevole ai ricorrenti nell'ambito di un giudizio cautelare e, dunque, ancora non sussiste un provvedimento definitivo. Sotto il profilo motivazionale, il TAR ha infatti argomentato che il decreto censurato si è limitato ha introdurre il limite quantitativo a partire dal quale deve essere consentito il pagamento con carte di debito ed a prevede un periodo transitorio in cui, in prima battuta, le previsioni trovino applicazione soltanto nei confronti dei soggetti che abbiano maturato determinate soglie di fatturato (e che quindi, implicitamente, siano ritenuti maggiormente strutturati di altri sul profilo organizzativo).  

Articoli Correlati