23 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

LIBRI: 'Malamedicina'

  • LIBRI: 'Malamedicina'
Nove casi di pazienti?vittime di errori medici clamorosi?per raccontare il lato oscuro della medicina.?Un saggio-inchiesta che affronta?il problema malamedicina nelle sue?dimensioni cliniche, sociali, sociologiche,?alla ricerca

Nove casi di pazienti vittime di errori medici clamorosi per raccontare il lato oscuro della medicina. Un saggio-inchiesta che affronta il problema malamedicina nelle sue dimensioni cliniche, sociali, sociologiche, alla ricerca delle cause dell’errore medico. «Un libro che prova a penetrare le radici, profonde, ramificate e nascoste, dell’albero dell’errore medico partendo da esempi concreti.
Scritto da un medico che sa quanto ingannevoli siano le cause di un fenomeno su cui si vuole investigare».
(Paolo Cornaglia Ferraris, medico chirurgo, autore di Camici e pigiami). Grazie agli enormi progressi della medicina negli ultimi cinquant’anni, l’opinione pubblica vi ripone una fiducia eccessiva e, in mancanza di guarigione, la conclusione è una sola: il medico ha sbagliato.
Si è modificato anche il rapporto medico-paziente, così come l’etica stessa della medicina: il medico «tradizionale» non esiste più, il contatto con il paziente è per lo più impersonale e anonimo.
Come risultato, la conflittualità tra chi cura e chi va curato è aumentata esponenzialmente e nei casi più estremi si risolve solo nelle aule di tribunale. Prendendo spunto da nove casi di malamedicina che ha seguito in qualità di consulente tecnico presso vari tribunali o per privati cittadini in cause civili e penali di malpractice, l’autore affronta l’«errore in medicina» e l’aumento delle cause civili e penali: come evitare che i medici si sentano accerchiati dai mass media e dai cittadini? Come ridare al medico dignità professionale e al paziente fiducia in chi lo cura? Come conciliare tra loro clinica e tecnologia, pietas ed efficienza, limitazione delle risorse e risultato ottimale? Fausto De Lalla è nato a Pisa e si è laureato in Medicina a Siena.
Per motivi di lavoro e di studio si è poi trasferito a Milano.
Libero docente in Malattie Infettive e direttore della Scuola di Specializzazione in Malattie Tropicali, e quindi primario ospedaliero a Como e poi a Vicenza, ha sempre svolto attività clinica e di ricerca.
Da circa quindici anni si è dedicato allo studio dell’«errore in medicina» ed è consulente tecnico di vari tribunali e/o privati cittadini in cause civili o penali di malpractice.
Ha pubblicato oltre duecento articoli scientifici e numerose monografie e libri di testo per medici o studenti.