Preservativo femminile, cos’è e come si usa?

Il preservativo femminile non è un contraccettivo molto comune eppure se ne parla molto poco, tanto che molti non sanno neppure come si usa.

Perché si parla così tanto del preservativo maschile e così poco di quello femminile? Di cosa si tratta? E’ complicato usarlo? Quanto è sicuro? Rispondiamo a tutti i vostri dubbi sull’argomento.

preservativo femminile uso
Photo AdobeStock

Forse vi sarà capitato di sentir parlare del preservativo femminile ma non molte delle vostre amiche hanno lo hanno sperimentato e neanche voi avete il coraggio di farlo. Il fatto è che se ne parla così poco che sembra un mezzo di contraccezione aleatorio e poco affidabile. In realtà si tratta di un metodo di contraccezione efficace per evitare una gravidanza indesiderata e anche per tutelarti dai rischi di contagio da una malattia sessualmente trasmissibile permettendoti di godere serenamente del rapporto sessuale.

LEGGI ANCHE —-> Il preservativo ti da fastidio? Ecco cosa succede al tuo corpo quando lo usi

Il preservativo femminile esiste, ecco come si usa

Il preservativo femminile è un mezzo di contraccezione garantito a tutti gli effetti che ti permette di fare l’amore senza correre rischi e senza dover assumere ormoni. Il preservativo femminile seppur poco noto è molto simile alla sua controparte maschile per quanto riguarda la sua funzione. A livello di dimensioni la differenza è molto evidente, il preservativo femminile è molto più ampio, più tondeggiante e soprattutto è più sottile. 

Per quanto riguarda l’affidabilità è due volte più resistente del preservativo maschile e ti protegge da malattie sessualmente trasmissibili e da gravidanze indesiderate.

Infine non influisce sul sistema sistema ormonale (a differenza della pillola contraccettiva) ed essendo privo di lattice, evita il rischio di allergia.

preservativo femminile uso
Photo AdobeStock

Il preservativo femminile ti garantisce un rapporto sessuale soddisfacente, non preclude la libido e non interferisce con il piacere provato dal partner.

Essendo più sottile del preservativo maschile il piacere risulta essere più intenso. Adattandosi perfettamente alla vagina permette una maggiore sensibilità durante la penetrazione.

Si può anche indossare parecchie ore prima del rapporto con molta calma e serenità.

Negli ultimi tempi si parla molto di coppetta mestruale, da quando abbiamo imparato ad usarla, il gesto di introdurre qualcosa in vagina sempre essere meno spaventoso.

Il preservativo femminile potrebbe aiutare molte donne che sono allergiche al lattice o mal sopportano il preservativo maschile e potrebbe essere molto utile per evitare il rischio di contrarre malattie anche in caso di rapporti sessuali tra donna e donna.

Nel video che segue una dottoressa mostra il modo semplice e corretto di inserire un preservativo femminile.