Home Coppia

Nasce il “pillolo” maschile, ma non è ancora in vendita

CONDIVIDI
pillola anticoncezionale uomini
Pillola anticoncezionale, Getty Images

Sembra fantascienza, invece no. La pillola anticoncezionale per gli uomini ha passato i test, ma per la vendita in farmacia ci sarà da aspettare

Fino a poco tempo fa nessuno l’avrebbe mai nemmeno immaginato, invece oggi sembra essere realtà. Il “pillolo” – questo il primo nomignolo che ha acquisito – non è uscito da un film di fantascienza, ma è il risultato di alcuni spettacolari progressi della medicina odierna. In una conferenza della Endocrine Society a New Orleans sono stati infatti dimostrati gli studi e i test che il farmaco ha attraversato, riguardanti la sicurezza e la tollerabilità per il corpo umano. Questo però è solo un primo step: saranno necessari tanti altri anni di ricerca, specialmente per dimostrare l’efficacia della pillola anticoncezionale per uomini. Ad oggi, anche per l’uscita della pillola bisognerà aspettare altri 10 anni, le statistiche dicono che molti uomini ne sarebbero entusiasti: secondo una ricerca di Human Reproduction, circa il 55% la utilizzerebbe e il 70% la vede come una buona pratica da introdurre nella vita sessuale di coppia.

Leggi anche —-> Gel anticoncezionale per uomini: arriva la versione al maschile della pillola

Pillola per gli uomini: come è fatta e cosa è stato studiato

Il “pillolo” è quindi diventato realtà, ma per trovarlo in farmacia dovremo aspettare ancora molto tempo. Ma come è fatto il farmaco? A spiegarlo è l’autrice dello studio, che dichiara che verrà ridotta la produzione di spermatozoi senza però intaccare il lavoro della libido. C’è però ancora del lavoro da fare: infatti per essere venduto il farmaco dovrà presentare il minor numero possibile di effetti collaterali e dovrà essere quanto più efficace, dal punto di vista contraccettivo, per chi vorrà assumerlo. I test sono stati effettuati su un campione di 40 uomini a cui sono state somministrate dosi diverse dello stesso farmaco in prova, e sembrano esserci già dei risultati significativi. Infatti, i disturbi riscontrati sono minimi: lievi mal di testa, comparsa di acne e spossatezza, mentre in pochissimi hanno riscontrato un calo del desiderio sessuale.