Home Gossip

Corona: prima apparizione TV dopo la scarcerazione

CONDIVIDI

Il settimanale Spy mostra alcuni scatti di Massimo Giletti conduttore di ‘Non è l’Arena’ insieme a Fabrizio Corona, preludio della prima apparizione di Corona in tv dopo la scarcerazione.

Il numero del settimanale gossip ‘Spy’ in uscita oggi, mostra le foto di Massimo Giletti e di Fabrizio Corona impegnati in una eloquente conversazione al di fuori di un ristorante di Milano. Molti gli interrogativi sui motivi del loro incontro, che stiano progettando una intervista al programma ‘Non è l’Arena’ condotto da Giletti su La7?

Corona di nuovo in tv

Fabrizio Corona potrebbe tornare ad apparire in tv, in via eccezionale, e previa richiesta di un permesso speciale come ospite di Massimo Giletti a ‘Non è l’Arena’.

La notizia non è stata ancora confermata ma secondo il numero del settinale ‘Spy’ in uscita oggi, l’incontro tra Corona e Giletti potrebbe far presupporre proprio questo.

Massimo Giletti, amico di lunga data di Fabrizio Corona, si starebbe muovendo  per ottenere una “dispensa ufficiale” per consentire a Corona, in via eccezionale, di mostrarsi sul piccolo schermo per rilasciare un’ intervista fortemente emotiva, cosa al momento del tutto improbabile a causa del divieto assoluto di apparire sui social, di rilasciare interviste e di avere contatti con persone esterne alla famiglia.

Dopo la scarcerazione, per Fabrizio Corona si tratterebbe della prima possibilità di esporsi mediaticamente, una possibilità che però deve essere vagliata con estrema cautela, soprattutto dopo l’ammonimento e la paura per il possibile ritorno in carcere di Fabrizio Corona, che come ha raccontato la fidanzata Silvia Provvedi ospite a ‘Mattino 5’ lo scorso 9 Marzo, gli hanno fatto vivere momenti di brivido che li hanno resi consapevoli di dover fare molta attenzione a rispettare i veti imposti dal giudice Simone Luerti.

Il bisogno di tornare ad avere uno ‘Status Social’ per Corona è molto forte come racconta la fidanzata, soprattutto sente di voler ringraziare l’Italia che gli vuole bene e che lo ha supportato. Fin’ora non è stato possibile, tutti parlano di lui ma lui non può farlo, non può raccontarsi, non può parlare dei suoi sentimenti e rischia perfino se sono gli altri a postare sui social qualcosa che lo riguarda.

Dopo i lunghi anni di reclusione sarebbe bello poter ascoltare anche le sue vive sensazioni.