Home Attualità

Latte intero promosso: aumenta il colesterolo buono

CONDIVIDI

latte interoChi è da sempre attento nel mantenere uno stile di vita sano, sa bene come in ambito alimentare ci siano diverse correnti volte a demonizzare o mettere sul piedistallo determinati cibi. Così, se nella maggior parte dei casi è chiaro se un cibo fa male o bene, in altri i punti di domanda sono così tanti da rendere le conclusioni un po’ più difficile.
Ne è un esempio il latte intero, un prodotto che dopo anni ed anni di consumo è stato recentemente bandito a favore di quello scremato. La sua variante dietetica infatti è sempre stata promossa come più adatta ad uno stile di vita sano, alla perdita di peso ed alla riduzione del colesterolo cattivo.
Questo almeno fino ad oggi. Un nuovo studio ha infatti portato alla luce nuovi risultati secondo i quali il latte intero non è assolutamente da bandire ma da consumare in quanto ottimo per il cuore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE ->Dieta del latte: l’ultima moda che promette di far perdere fino a 5 kg

Latte intero promosso da un recente studio

A scagionare il latte intero ci ha pensato uno studio danese svolto all’università di Copenaghen.
Durante la ricerca 18 volontari hanno ricevuto 500 ml di latte scremato ed intero, alternati per un lasso di tempo di sei settimane. Prima, durante ed alla fine della varie fasi è stato eseguito loro l’esame del colesterolo al fine di capire le differenze che i due tipi di latte apportano all’organismo.
Ciò che è emerso è che nel periodo in chi è stato assunto il latte intero il colesterolo buono aumentava mentre in quelli in cui si beveva quello scremato, il colesterolo cattivo rimaneva stabile.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Latteart: la nuova moda sono i cappuccini glitterati

Questa scoperta, che sarà sicuramente approfondita da altri studi, scagiona il latte intero come promotore del colesterolo cattivo evidenziandone al contempo gli effetti positivi che ha invece su quello positivo, necessario per sconfiggere l’altro e per assicurare il benessere nell’organismo.