Home Attualità

Paint back: il movimento di writers berlinesi che trasformano le svastiche in disegni gentili

CONDIVIDI

Dove prima c’erano svastiche, croci celtiche e scritte inneggianti ai “bei vecchi tempi andati” ora campeggiano coniglietti, mosche, farfalle, cubi colorati e, più in generale, tanto colore e allegria.

E’ il lavoro di Paint Back, movimento nato a Berlino da un momento di profondo sdegno di un writer proprietario di un negozio di colori nel quartiere di Schoeneberg, punto di riferimento per molti suoi colleghi. Ibo Omari, questo il suo nome, aveva scoperto una svastica scarabocchiata sul muro di un parco per bambini: la cosa era troppo grave per esser tollerata e così ha impugnato i suoi colori e ha coperto il simbolo incirminato con un disegno decisamente più simpatico e divertente.

L’iniziativa è piaciuta e così a lui si sono poi uniti altri sette avversatori dei neo-nazisti che hanno iniziato un lavoro di vera e propria epurazione dei muri del quartiere. Gli abitanti di Schoeneberg hanno apprezzato l’iniziativa, tanto da farsi a loro volta cacciatori dei segni della vergogna da coprire: la svastica e le croci celtiche vengono individuate, segnalate e ritoccate a dovere.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Il writer inglese Banksy regala una sua opera ai bambini di una scuola elementare

Il movimento cresce lentamente, certo, ma comunque cresce e senza dubbio Berlino è la città giusta per alimentarlo: i nostalgici del nazismo certo non mancano ma nemmeno i writers, che qui si stimano in circa cinquantamila. I loro lavori non sono sempre apprezzati ma questa volta siamo sicuri che Ibo Omari e i suoi amici avranno parecchi ammiratori, cosnapevoli come loro che un po’ di colore è di gran lunga da preferire a poche linee nere incorciate.