Home Cultura

Love Actually: 10 cose che forse non sapevate sul film

CONDIVIDI

Che Natale sarebbe senza Mark, Juliet, Daniel e Jamie? I nomi non vi fanno sovvenire nulla? E se vi dicessimo semplicemente Love Actually? Uno dei film più romantici di sempre che da dodici anni accompagna oramai i Natali di noi eterne innamorate dell’amore. Abbiamo sognato di sposarci a ritmo di All you need is love, di ricevere una dichiarazione a suon di cartelli e di baciarci dietro il sipario di una recita scolastica (anche a prezzo di esser poi scoperti e umiliati pubblicamente) eppure forse ancora non ne sappiamo abbastanza sul film regalatoci da Richard Curtis.

CheDonna.it vuole oggi approfondire la vostra preparazione sul tema svelandovi 10 dettagli che fors evi erano sfuggiti dietro le indimenticabili scene di Love Actually. Aprite bene gli occhi!

1 – Le linee narrative

Nel film seguiamo in parallelo 9 storie intrecciate tra loro ma nel progetto iniziale dovevano essere ben 12, tra cui quella di una coppia africana alle prese con una carestia e una dedicata a una severissima preside e la sua compagna malata di cancro.

2 – Claudia Schiffer

Il suo cammeo rimane sena dubbio indimenticabile ma in origine non era previsto. Si cercava un’attrice che le somigliasse in modo particolare ma, evidentemente, non è facile trovare la sosia di una simile bellezza.

3 – Sam

Il piccolo e innamoratissimo batterista aveva 13 anni all’epoca del film e scoprì una passione chenon avrebbe più abbandonato: la batteria.

Curiosamente anche il personaggio da lui interpretato nel Trono di Spade ha 13 anni ma lui oramai ha superato i 23.

4 – Dichiarazione d’amore di Mark a Juliet 

Senza dubbio la scena più famosa del film, quella a cui leghiamo il nostro ricordo della pellicola. Non in molti sanno però che l’idea dei cartelli fu ispirata al video di una canzone di Bob Dylan, Subterranean Homesick Blues. Ne furono girate poi ben 5 versioni e Curtis fece scegliere quella da inserire nel montaggio alle ragazze del suo ufficio che optarono per la meno smielata.

5 – All you need is love

E’ il brano suonato a sorpresa durante la scena iniziale del matrimonio. L’idea di questo canto che coglie tutti di sorpresa fu presa da quanto realmente accaduto al funerale di Jim Henson, creatore dei Muppets.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> TOP 5: le dichiarazioni d’amore più romantiche del cinema

6 – Bernard

E’ un nome speciale per Curtis, che lo inserisce in tutti i suoi film da quando il politico Bernard Jenkin conquistò il cuore di una ragazza di cui Curtis era innamorato. Qui tocca al figlio di Alan Rickman e Emma Thompson.

7 – Il primo ministro

La geniale interpretazione di Hugh Grant fu citata da Tony Blair in un suo discorso del 2005: “So che alcuni di voi vorrebbero che mi comportassi come Hugh Grant in Love Actually e mandassi l’America a quel paese”.

8 – Emma Thompson in lacrime

La sena in cui la moglie tradita piange da sola in camera fu girata ben 12 volte ma nessuna lacrima era prevista: fu una spontanea aggiunta dettata dalla commozione della bravissima attrice.

9 – Critiche negative

Il flm non ricevette subito i favori della critica che lo giudicò eccessivo sotto molti punti di vista.

10 – Actually

Il termine presente nel titolo e traducibile in italiano come “davvero” compare ben 23 volte nella sceneggiatura originale: 22 pronunciato dal cast e una dalla voce fuori campo

Fonte: www.deejay.it