Home Cultura

LIBRI: ‘I pirati dei mari orientali’

CONDIVIDI

cec39ea6-bb8f-4e8d-a1a9-1c3c09a1b419Sin dall’inizio dell’arte della navigazione i pirati hanno solcato gli oceani, e mai acque sono state tanto infestate quanto quelle dei mari orientali.

Il carismatico capitano Course racconta la storia della pirateria dal golfo di Aden al mar del Giappone, dagli episodi leggendari del XVII secolo a quelli di metà Novecento. Le gesta sanguinarie e violente di questi singolari personaggi sono narrate senza alcuna idealizzazione; con obiettività storica ne vengono rilevate le qualità marinaresche e l’abilità amministrativa, come nel caso del francese Misson, che fondò con successo una colonia pirata su basi socialiste.

Sono tratteggiate in maniera incisiva le figure di Culliford, del capitano Kidd, di Avery, di Eli Boggs, della famosissima piratessa cinese Ching Shih a capo di una flotta di 500 giunche, ma anche di uomini che, come il raja bianco James Brooke, cercarono di far fronte alla minaccia dei pirati al fine di rendere sicuri i traffici mercantili.

Il testo è suddiviso per aree geografiche: dal Madagascar la “Tortuga” a est di Greenwich, considerato dai pirati un’ottima base grazie al suo clima e alla sua posizione; al mare Arabico, dove agiva la famiglia degli Angria, famosa per aver sfidato la Compagnia delle Indie Orientali; si continua con i pirati della Malesia e del mare Cinese, tra cui Ching Shih e Chui Apoo.

Infine, si affronta la diffusione della pirateria nel mar Cinese in tempi moderni. Un libro che fa luce su personaggi forse meno famosi nell’immaginario collettivo rispetto a quelli dei Caraibi, ma sicuramente altrettanto interessanti e importanti nella storia della pirateria.

Il capitano A.G. Course cominciò a navigare giovanissimo, e a quindici anni si imbarcò per un giro del mondo in barca a vela che sarebbe durato due anni. Ottenne il brevetto di capitano nel 1919 e iniziò un lungo periodo di servizio con diverse compagnie di navigazione a vapore, commerciando nell’oceano Indiano e nel mar della Cina, per ritirarsi infine nella Capitaneria di Porto di Londra.