Home Attualità

AUTOSTIMA: una marcia in più nel mondo del lavoro

CONDIVIDI

L’autostima altro non è che la valutazione che ognuno di noi fa di se stesso.

Per poter affrontare il mondo del lavoro con serenità e grinta è necessario in primo luogo lavorare sull’autostima in modo tale da non provare dei sentimenti di inadeguatezza nei confronti di superiori o di colleghi.

Una sana autostima si manifesta nella capacità di percepirsi e di rapportarsi a se stessi in modo realistico, positivo, rilevando i punti forti e quelli deboli, amplificando ciò che è positivo e migliorando quello che invece non lo è.

Bisogna inoltre ammettere di non essere perfetti ed individuare i nostri punti deboli, quali ad esempio l’eccessiva timidezza, l’emotività, la pigrizia o la troppa accondiscendenza.

La prima cosa da fare per iniziare un percorso di miglioramento dell’autostima consiste nel lavorare sulle proprie percezioni.

Bisogna infatti imparare a conoscersi meglio, allenarsi a vagliare ed analizzare il proprio io interiore in tutta la sua complessità, soffermandosi tanto sugli aspetti negativi quanto su quelli positivi.

Può essere utile fare un elenco su un foglio di carta sui propri pregi ed i propri difetti. Dopo aver stilato un elenco occorre soffermarsi sulle cause che hanno ci hanno spinto ad elencare proprio quei pregi e quei difetti.

Solamente così potremo avere una conoscenza approfondita del proprio io.

Per rapportarsi con gli altri, soprattutto nel mondo del lavoro, occorre innanzitutto sapersi rapportare con se stessi, ascoltando ogni tipo di segnale che il nostro corpo ci invia ed imparare a collocare questo segnale nella nostra sfera dei sentimenti.