Home Attualità

TORTA DI PERE E MALTO: passo passo con la cuoca Greta Isella. La giusta merenda per i più piccolini

CONDIVIDI

Buongiorno a tutte le nostre cuoche ed apprendiste cuoche, lettrici di CheDonna.it! Oggi il nostro staff, in collaborazione con l’esperta di cucina Greta Isella, vi vuole proporre una merenda appetitosa per tutti i piccini, e perché no, anche per noi più grandicelli che della buona cucina non possiamo fare a meno. Una torta di pere  per uno snack appetitoso quanto genuino! Pronte per questo tutorial?

Torta ranversèe di pere al malto

Ingredienti:

200 g di farina 00

4 cucchiai di malto di riso + 1 cucchiaino

160 ml di latte di riso

½ cucchiaino di vaniglia bourbon in polvere

1 bustina di lievito cremortartaro

1 pizzico di scorza di limone (bio) grattugiata

70 ml di olio di semi di girasole spremuto a freddo + un cucchiaino 

1 grossa pera

Una merenda profumata, poco dolce e con tanta buona frutta, ideale per la merenda dei più piccoli e per far iniziare bene la giornata a mamma e papà.

Gli ingredienti sono tutti sani e consentiti fin dal primo anno del pupo:

MALTO DI RISO al posto dello zucchero: il malto, ottenuto dalla fermentazione del riso cotto al vapore cui viene aggiunto orzo germinato, è un dolcificante squisito e costituito da zuccheri complessi che rilasciano energia lentamente. Al posto del malto potete usare anche il miele, che è sì naturale ma si tratta di zuccheri semplici e alle alte temperature del forno perde le sue eccellenti proprietà antibatteriche e terapeutiche. Il miele andrebbe usato, parsimoniosamente, nei bimbi di almeno un anno con questo scopo (leggete mali di stagione in pieno inverno).

LIEVITO CREMORTARTARO al posto di quello chimico in bustine: viene ottenuto dallo “scarto” della lavorazione del vino. Si tratta quindi di un agente lievitante, reperibile come il malto nei negozi specializzati in alimentazione biologica e naturale, di natura estrattiva e non di sintesi. Al tartrato di potassio viene aggiunto un poco di bicarbonato di sodio, di origine minerale, per ottenere questo agente lievitante.

LA VANIGLIA BOURBON in polvere è naturale e non un aroma di sintesi come la vanillina, la cui origine è estratta dal petrolio o dall’acqua di scarto della lavorazione della carta.

Per il resto, farina bio, olio di girasole, scorza di limone, pera e latte di riso compongono questo dolce di cui ora vi illustro la facile preparazione.

Procedimento:

1) In un pentolino scaldate il latte e scioglieteci il malto, quindi lasciate raffreddare mentre vi dedicate al resto della preparazione. Miscelate in una ciotola la farina, il cremortartaro, la scorza di limone, la vaniglia. Aggiungete l’olio e per mescolare bene usate le mani, sfregandole tra loro come se doveste scaldarle: l’impasto avrà, alla fine, il cosiddetto aspetto sabbioso. Sbucciate e tagliate la pera in spicchi sottili. Preparate un’emulsione con un cucchiaino di malto e uno di olio, come vedete nella foto.

2) Incorporate, poco alla volta, il latte addolcito ormai raffreddato al composto. Mescolate bene per evitare che si formino grumi, ma se ciò dovesse accadere, utilizzate un frullatore ad immersione per stemperarli.

Ungete una tortiera (diametro 18 cm ma va benissimo anche una un poco più grande) a cerniera, quindi da un foglio di carta forno ricavate un disco dello stesso diametro della base della tortiera. Adagiatelo sulla base della stessa e spennellatelo con l’emulsione di olio e malto, dopodiché posizionate a raggiera metà degli spicchi della pera.

 

3) Ricoprite lo strato di pera con metà dell’impasto, posizionate l’altra metà pera, coprite con l’impasto rimanente e livellate il tutto con un cucchiaio: l’aspetto deve essere come quello della foto.

4) Infornate a 160 gradi per 35 minuti; l’aspetto dovrà della superficie essere biscottato e un po’ crepato. Fate la prova dello stecchino per accertarvi che il dolce sia cotto. Una volta tolto dal forno, lasciatelo raffreddare completamente prima di toglierlo dallo stampo, e tagliate la “crosta” superficiale.

Rovesciate la torta su un piatto o un’alzata, togliete il disco di carta forno e…

5) Buona merenda a grandi e piccini!

 

Consultate il mio sito e scrivetemi:

HYPERLINK “http://www.cuocamattarella.it” www.cuocamattarella.it

greta@cuocamattarella.it