Home Coppia Intimità Intimità programmata, la risposta quando la passione abbandona il rapporto

Intimità programmata, la risposta quando la passione abbandona il rapporto

CONDIVIDI

“Circa un anno dopo l’inizio della relazione con l’uomo che avrei sposato, con cui avrei fatto dei figli e scelto di costruirmi una vita, mi è successa una cosa strana. Non desideravo più fare l’amore.”

Le 10 zone erogene di una donna da toccare per farla impazzire

“Circa un anno dopo l’inizio della relazione con l’uomo che avrei sposato, con cui avrei fatto dei figli e scelto di costruirmi una vita, mi è successa una cosa strana. Non desideravo più fare l’amore.”

Inizia così la confessione di Kristen Manieri, una donna che ha vissuto ciò che in molte coppie si può definire come “l’inizio della fine”, il tanto temuto calo del desiderio.

“Per me, il s***o era del tutto scomparso dal radar neurologico. Sei anni e due figli dopo, non solo non pensavo più a rotolarmi tra le lenzuola, ma non volevo più farlo neanche quando mi veniva proposto. Volevo solo dormire di più, avere più tempo per me, un’ora per fare lavoretti in casa, un cocktail con le amiche, la possibilità di finire quel romanzo iniziato otto mesi prima, una pedicure, un giro per negozi senza bambini e del tempo libero per vedere tutte le puntate di “The Good Wife” in un colpo solo. Questo elenco, e forse un altro centinaio di cose, avevano la precedenza sul rapporto intimo.”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Quando lui non ha voglia di fare l’amore: 5 ragioni per cui succede

Come reagire di fronte a tutto ciò? Arrendersi all’evidenza e lasciar che lentamente il rapporto naufraghi? Kristen  si è rifiutata:

“Sì, ho sposato il mio migliore amico 13 anni fa, ma ho sposato anche il mio amante e voglio mantenere vivo questo aspetto della nostra unione finché morte non ci separi.”

Ecco allora che la soluzione è giunta proprio lì dove meno la si poteva aspettare. Per ritrovare l’intimità, quella cosa che solitamente appare come il frutto più spontaneo dell’istinto irrazionale, Kristen ha impugnato l’agenda e ha letteralmente messo il piacere di coppia in calendario.

Il risultato è stato a dir poco sorprendente.

Vuoi essere sempre aggiornata su tutte le novità e i consigli utili che riguardano la vita di coppia? CLICCA QUI!

Intimità programmata: mettilo in agenda se la passione viene meno

psicologia intimità attaccamento

“Sono una di quelle persone che provano un brivido di fronte all’organizzazione e all’efficienza, perciò non c’è da stupirsi se, quando mi sono imbattuta nell’idea del sesso programmato, ne sono stata subito entusiasta. Ma c’è un motivo reale per programmare il s***o?

Be’, per me i benefici erano due:

1. Sapere quando avremmo fatto s***o mi consentiva di prepararmi sul piano emotivo (e fisico).
2. Avevo carta bianca se volevo dire no in qualsiasi altra occasione, senza sensi di colpa.

Decidemmo di dedicare al s***o due notti a settimana, segnandole letteralmente in agenda.”

Naturalmente la cosa ha richiesto un impegno notevole: tra il mettere l’intimità nero su bianco e renderla veramente di successo c’è di mezzo una pratica costante, tanta dedizione e uno strenuo desiderio di successo.

“L’inizio è stato un po’ turbolento, e non alla maniera di “50 sfumature di grigio”. Non conoscevamo più quell’aspetto della nostra vita e non potevamo più contare sul cocktail chimico per far scattare l’eccitazione. Inaspettatamente, ci abbiamo messo un po’ a ritrovare la familiarità, a fidarci dell’altro e a sentirci emotivamente coinvolti in quella nuova normalità. Ma abbiamo continuato a lavorarci… per quattro anni!”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Calo del desiderio dopo anni di matrimonio: le 5 cause principali

Il successo alla fine è arrivato e quell’intimità programmata che inizialmente sembrava un gravoso compito è divenuto quasi più affascinante di un bollente incontro voluto semplicemente dal fato:

“Se proprio devo indicare un aspetto negativo del s***o programmato, direi che, a volte, quando si presenta un momento sexy “spontaneo” – e credetemi, Marc avvista questi momenti come un falco che vede un topolino da chilometri di distanza – mi capita di avere difficoltà a lasciarmi andare. Mi piace tanto il nostro piano e ho dovuto imparare a essere più flessibile quando si presenta un’opportunità inattesa o un cambio di programma.”

Un po’ di sana organizzazione dunque sembra esser veramente la chiave di volta per rendere la vita migliore, persino tra le lenzuola. Alla fine però il vero motore del successo in una relazione è sempre e solo uno: la voglia e l’impegno di renderla veramente immortale.

Fonte: www.huffingtonpost.it

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

LEGGI ANCHE…

7 tratti comuni delle coppie resilienti, quelle capaci di restare unite

Tutto quello che devi sapere sui metodi contraccettivi

Le regole per tenere sempre vivo l’eros: consigli di coppia