Home Attualità

Anoressia: le foto dal mondo di chi ce l’ha fatta

CONDIVIDI

In occasione della VII giornata nazionale contro i disturbi del comportamento alimentare sono apparsi ovunque fiocchetti  Lilla, simbolo della lotta, nati per diffondere un messaggio ben preciso: Vincere si può,  queste patologie oggi si possono curare.

Sono state tante le iniziative nate in tutta Italia per sconfiggere e prevenire i disturbi più comuni della nutrizione come l’anoressia e la bulimia,  servizi come consulenze gratuite sull’alimentazione e sui disturbi alimentari per informare giovani e adulti sui percorsi per la loro cura sono stati messi a disposizione da appositi sportelli nei maggiori ospedali di tutte le regioni.

Riuscire a vincere l’anoressia è possibile

felicitàL’anoressia è legata al controllo ossessivo del proprio peso e alla fissazione per la magrezza. Con il passare del tempo questa patologia può portare a gravi problemi di salute, come disfunzioni cardiache, insufficienza renale, perdita dei capelli e dei denti e amenorrea nelle donne.

L’anoressia è una malattia, non una scelta. La notizia confortante è che ci sono persone che ce l’hanno fatta a guarire, dunque c’è speranza per tutti coloro che stanno lottando in questo momento.

Questa malattia può colpire indistintamente uomini o donne come qualsiasi altra, non fa distinzioni di sesso, ne di età, ne di nazionalità, per questo abbiamo selezionato le testimonianze di persone disparate nel mondo.

Ma c’è qualcosa che accomuna tutti loro: hanno vinto!

Queste persone che oggi sono guarite, non negano che la lotta è stata molto lunga, ma ci raccontano che vale la pena di provare perché dare un lieto fine ai disturbi alimentari non è una utopia, ma è davvero possibile.

Margherita Barbieri è una giovane ballerina di danza classica che ha iniziato a soffrire di anoressia a soli 13 anni perchè le sue amiche della scuola di ballo le dicevano continuamente che aveva le “gambe grosse”.

Questa è Hannah, prima e dopo la sua lotta contro l’anoressia

Le foto che seguono sono state scattate con un intervallo di un anno. Questa ragazza le ha commentate così: ” io sono la prova che non importa fino a che punto vi sentite spacciati nella vostra testa, potete uscirne fuori!”

Matthew Booth durante il trasferimento in ospedale è stato definito clinicamente «deceduto» ma ce l’ha fatta ed è ripartito proprio da lì per ricostruire le fondamenta per la bellissima vita di cui gode oggi.

Danny Walsh è un simbolo perchè è riuscito a vincere l’anoressia in soli 4 mesi.

Elle Lietzow aveva rifiutato nettamente il cibo arrivando al punto di bere solo acqua. Una settimana dopo è stata trasportata d’urgenza in ospedale ma oggi può mostrare le sue foto sorridenti.

Linn Strömberg, all’età di 23 anni consumava categoricamente solo 400 calorie al giorno per seguire una dieta alimentare, successivamente ha capito che poteva introdurre più calorie nella sua dieta e avere il fisico che sognava andando in palestra e facendo esercizi per tonificare i muscoli.

Questa ragazza a seguito delle sofferenze vissute a causa dell’anoressia finalmente ha ritrovato la felicità riuscendo a comprendere qualcosa di molto semplice «Non ho più paura di quello che la gente pensa della mia apparenza».

Kaitlyn Davidson era arrivata a pesare meno di 37 chili ma è riuscita a vincere nonostante le poche probalità che le si prospettavano.

Jodie-Leigh Neil ha iniziato a soffrire di problemi alimentari dopo che la sua migliore amica è morta in un incidente stradale ed oggi dedica la sua vittoria proprio a lei.

L’anoressia non fa differenze di età, come dimostra questa donna che ha cominciato a soffrirne a 60 anni dimostrando che è possibile vincerla a qualsiasi età.

Questa foto si commenta da sola e vale più di mille foto.

Eclatante, questa ragazza è passata da 31 chili a 50 e il suo aspetto è cambiato totalmente.

A Hayley Wilde erano stati diagnosticati non più di 10 giorni di vita a causa dell’anoressia. La sua guarigione è stata segnata da un miracolo, è rimasta incinta e ha avuto un bellissimo bambino.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE—>Le Iene: scherzo all’aspirante diva Asia Valente