Home Salute e Benessere Sei costantemente stanco? Dieci cose da cambiare nella tua vita

Sei costantemente stanco? Dieci cose da cambiare nella tua vita

CONDIVIDI

Dormi bene ogni notte e tuttavia ti senti esausto. Ci sono diverse ragioni alla base della stanchezza cronica. Ecco come fare una autodiagnosi con l’aiuto degli esperti.

La nutrizionista e psicosomatica Nina Cohen-Koubi e la neurobiologa Joëlle Adrien hanno stilato unalista di 10 motivi che ti rendono perennemente stanco che è stata pubblicata su Le Figarò. Ecco perchè ti svegli già stanco e cosa cambiare nella vostra vita.

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Curiosità & Benessere  CLICCA QUI

Mi sveglio e sono stanco, perché? Cosa fare?

gravidanza isterica
(iStock Photos)

Ecco le 10 cause principali della stanchezza cronica:

Stai ignorando lo sport

“Lo sport e l’attività fisica in generale migliorano la qualità del sonno regolando il nostro orologio biologico interno”, afferma Joëlle Adrien, neurobiologa. Ma si entra in un circolo vizioso perché il sonno sarà interrotto la notte successiva. Per non parlare del fatto che durante una sessione, il cervello produce endorfine e ci lascia con una sensazione di attitudine Zen. Inoltre, lo sforzo fisico aiuta a combattere l’affaticamento attraverso il suo effetto energizzante.

Mangi male

Sovraccarichi di lavoro, le pause pranzo si trasformano in un momento in cui sgranocchiare qualcosa davanti allo schermo tra due appuntamenti. Se vuoi ritrovare la tua energia devi sviluppare una dieta sana in parallelo con uno stile di vita sano. Opta per alimenti che sono alleati del morale, ricchi di magnesio e fibra. Preferisci pesce grasso per i loro omega-3, verdure, frutta e cereali integrali per il pranzo. A cena, mangia leggero, per facilitare la digestione, ma abbastanza consistente, per non avere fame. Nel menu, pasta e cereali integrali, cibi ricchi di amido e proteine, preferibilmente di carne bianca. Dieta contro la stanchezza: l’alimentazione giusta per vincere la fatica

Non bevi abbastanza acqua

È difficile pensare di bere tutto il giorno. Tuttavia, questo semplice gesto può aiutare a combattere la stanchezza: “Si ritiene che il corpo perde un litro e mezzo di acqua ogni giorno. Se non compensiamo la perdita, ci disidratiamo dall’interno, i nostri muscoli si contraggono più facilmente e gli scambi cellulari sono meno buoni, cosa che stanca il corpo “, afferma la nutrizionista Nina Cohen-Koubi. Per garantire l’idratazione ottimale, conta dieci bicchieri d’acqua durante il giorno. Scopri quanta acqua dovresti bere in base al tuo peso corporeo.

Ti manca la vitamina D

Il cioccolato fondente contiene antiossidanti e magnesio, che svolgono un ruolo nella gestione dell’ansia, rilassano i muscoli e migliorano il comfort. Ne basta una barretta al giorno.

Puoi anche perdere questa vitamina, esponendo il tuo corpo al sole. La vitamina D rafforza il nostro sistema immunitario e ci mantiene in forma. Come ricorda il nutrizionista: “Il ritmo biologico viene influenzato dalla luminosità naturale, quindi è normale avere una grande fatica in autunno e in inverno”.Per ottenere ancora un po ‘di vitamina D, optare per pesce grasso. Segni che il tuo corpo ha bisogno di vitamina D e come integrarla

Ti manca il ferro o il magnesio

Basta una semplice carenza di ferro e tutta la tua energia vola via. Resta da identificare l’origine, a volte inaspettata: “Il consumo eccessivo di tè, ad esempio, può bloccare l’assorbimento del ferro. Ma anche un’ulcera o un problema digestivo che può causare sanguinamento e quindi una carenza “, dice la nutrizionista. Oltre a causare affaticamento costante, “una mancanza di ferro causerà quella che viene chiamata” sindrome delle gambe senza riposo” che allevierà il sonno e causerà micro-risvegli” informa la neurobiologa Joëllle Adrien. Per rifornirsi di carburante e mantenere una forma olimpica, controlla che i tuoi armadietti contengano verdure – fagioli, lenticchie – carni rosse, frutta secca e cereali!

Anche la carenza di magnesio può spiegare la fatica e lo stress. Il magnesio consente infatti lo scambio neuromuscolare. Se sei carente, sarai teso, irritabile, ansioso e stanco. Fai il pieno di energia mangia cioccolato (nero), legumi (fagioli bianchi, fagioli, lenticchie) e semi oleosi.

Sei oberato di lavoro

Nonostante le tue notti decenti, alzarti dal letto è una sfida quotidiana e sei al minimo  appena arrivato sul posto di lavoro? Potresti essere affetto da superlavoro. La neurobiologa Joëlle Adrien spiega: “Il burnout è caratterizzato da una caduta di energia, sia fisica che cerebrale. Dobbiamo mobilitare molte risorse per svolgere gli stessi compiti degli altri. Per superare il burn-out, dormire 14 ore di fila non è sufficiente. Solo un vero periodo di calma e riposo prolungato ti consentirà di riprendersi dall’applomb”.

Sei circondato da persone negative

E’ tempo di scappare dal collega amareggiato che ti stressa in pausa caffè. “Il cervello contiene” neuroni specchio “che ci fanno sentire bene quando abbiamo a che fare con qualcuno che è in forma e che si schiaccia quando l’ambiente peggiora”, dice la nutrizionista Nina Cohen-Koubi. Quindi evitiamo di essere immersi nel cattivo karma ambientale. Ecco cosa accade al tuo cervello quando ti lamenti in continuazione.

Dormi sul materasso sbagliato

Sei il tipo che gira nel letto? Questa potrebbe essere la causa della tua costante stanchezza. Se dormi sullo stesso materasso da più di dieci anni, è il momento di cambiare: “Una cattiva biancheria da letto non porta necessariamente al dolore, ma a un cattivo sonno e risveglio, che crea sonnolenza durante il giorno”, informa il neurobiologo Joëlle Adrien. Non esiste un materasso ideale, “hai solo bisogno di un letto che a tuo giudizio è comodo”, consiglia il professionista. Ecco i nostri consigli per scegliere un buon materasso.

Ti manca la luce naturale

Alcuni psichiatri o farmacie affittano lampade per la terapia della luce che sul mercato stanno circa 150 euro (non ancora rimborsati dalla previdenza sociale).

Gli UV naturali stimolano la nostra produzione di endorfina, l’ormone della felicità, in autunno, viene a mancare, tanto che in alcuni casi si è verificata la depressione stagionale a causa del graduale declino della luce naturale. Questa depressione di solito si verifica in ottobre per scomparire a marzo. Ma il calo autunnale non è inevitabile: ci sono dei modi per proteggersi, in particolare la terapia della luce.

Bevi un pò troppo alcol

Raramente dici di no a un afterwork o ad un aperitivo con gli amici? Almeno ordina un succo di frutta alposto del mojito. “La qualità del nostro sonno si deteriora naturalmente con l’età e l’ invecchiamo, che ci rende anche più sensibili agli effetti dell’alcol. Inoltre, se l’alcol aiuta a dormire in un primo momento, disturba il sonno”, dice la neurobiologa Joëlle Adrien.

Ti potrebbe interessare anche >>>

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI