Home Maternità Salute Asilo Montessoriano, la casa dei bambini

Asilo Montessoriano, la casa dei bambini

CONDIVIDI

Sono sempre di più i genitori che scelgono per i loro figli un asilo montessoriano. Le caratteristiche principali e tutti i vantaggi che ne derivano per la mente ed il corpo dei bambini.

Asilo Montessoriano, le caratteristiche

L‘asilo montessoriano o ‘casa dei bambini’, viene frequentato dai 3 ai 6 anni e va a coprire il primo ciclo scolastico obbligatorio della ‘scuola di infanzia’, si differenzia però dal classico asilo per alcune caratteristiche e per il metodo applicato e proprio per questo, sono sempre di più i genitori che decidono di regalare ai loro figli questa tipologia di esperienza didattica unica e molto soddisfacente.

->POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:  Educare alla libertà con il metodo Montessori

Scopriamo tutte le caratteristiche e la tipologia di metodo educativo Montessori, che fanno di questi asili dei luoghi perfetti per la crescita fisica, evolutiva e psicologica del bambino.

Se vuoi restare sempre aggiornato sulla categoria maternità, clicca qui! 

L’asilo montessoriano dai 3 ai 6 anni

Metodo Montessori, i principi fondamentali

Secondo Maria Montessori, il periodo che parte dai 3 anni è per il bambino molto importante perché caratterizzato da una ‘mente assorbente‘. In questa fase, la vita del bambino è come se ricominciasse con potenzialità e caratteristiche del tutto nuove:

“A tre anni di età è come se la vita ricominciasse perché allora la coscienza si palesa piena e chiara” 

A partire da questa età il bambino comincia a voler conquistare l’ambiente che lo circonda e tutti i mezzi che possano aiutarlo nello sviluppo. Per il bambino è un periodo di ‘costruttività e perfezionamento’ per cui durante questo momento della sua vita, esso lavora su se stesso e sull’ambiente in modo costante per poter crescere e sviluppare le sue competenze. Secondo la Montessori in questo momento i piccoli hanno bisogno di ‘lavoro e libertà’.

La ‘ casa dei bambini’ di tipo montessoriana è organizzata in modo tale da permettere questo sviluppo in massima libertà e senza giudizio. Gli spazi sono sempre molto ampi e luminosi e forniscono ai bimbi dai 3 ai 6 anni tanti stimoli, un ambiente familiare in cui operare ed imparare. I mobili sono tutti a misura di bambino, questo per permettere la sua indipendenza nelle varie operazioni della giornata. Il legno è il materiale utilizzato ed il colore è sempre protagonista.

Al bambino viene messo a disposizione un ambiente in cui imparare a gestire esigenze come il gioco e anche come provvedere a piccole mansioni domestiche proprio per svilupparne competenze e per renderlo autonomo e consapevole. Le classi sono composte da bimbi di età diversa.

I materiali presenti sono quelli competenti alla vita pratica per pulire, cucire, lavare, stendere, spolverare, abbottonare, apparecchiare la tavola e tanto altro ancora. Poi ci sono i materiali sensoriali atti a sviluppare i cinque sensi e anche quelli culturali, che aiutamo a sviluppare competenze per quel che riguarda il linguaggio, la matematica, la geografia, l’educazione artistica e altre materie.

I bimbi vivono un contesto di libertà in cui crescere e sviluppare sia all’interno che all’esterno delle mura scolastiche. 

->>>GUARDA ANCHE: 

Desideri ‘mangiare di baci’ il tuo bambino? I motivi della scienza

Bimbi dimenticati in auto: slitta l’obbligo dei sistemi anti abbandono

I tuoi figli non dovrebbero mai più sedersi in questa posizione

I figli fanno invecchiare il Dna delle madri di 11 anni

Cestino dei tesori montessoriano, cosa è e come realizzarlo

Aggressività nei bambini piccoli: fattori di influenza e comportamenti

Come curare la dermatite da pannolino al neonato: cause e rimedi

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI