Home Maternità Salute Capricci a tavola: 8 consigli per evitarli

Capricci a tavola: 8 consigli per evitarli

CONDIVIDI

Capita spesso che i bambini vivano il momento del pasto con molta agitazione e opponendo un rifiuto categorico al cibo proposto, soprattutto intorno ai 2 anni. I consigli per evitare i capricci a tavola.

Capricci a tavola: come evitarli

I bambini ed il cibo, un rapporto di amore ed odio, soprattutto in fase di crescita, quando i bambini cominciano a percepirsi come un individuo e a palesare il suo volere in modo molto chiaro e deciso, a volte anche urlando.

->POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: I bambini felici sono irrequieti

I capricci a tavola sono una grandissima fonte di stress per i genitori quando si ritrovano a dover gestire un momento di forte opposizione, che nella maggior parte delle volte finisce con una ‘vittoria a tavolino’ del bambino che ottiene magari di non mangiare i broccoli ma di gustare un qualcosa per lui più appetitoso, nella maggior parte dei casi, qualche merendina o cibo che nulla ha di salutare.

Se vuoi restare sempre aggiornato sulla categoria maternità, clicca qui! 

Bambini: otto consigli per evitare i capricci a tavola

I capricci a tavola sono un momento quasi fisiologico per ogni bambino, ma con qualche stratagemma si potranno affrontare ed evitare. Mamma e papà dovranno armarsi di molta pazienza e affrontare questo momento con molta serenità e seguendo i consigli giusti.

Mangiare assieme ai bambini

I bambini seguono il nostro esempio per questo farli mangiare da soli, ad un’orario prestabilito per loro, non li fa sentire coinvolti. Il pasto dovrebbe essere un momento di gioia e condivisione vissuto in famiglia.

Non accendere la televisione

La televisione è una fonte di distrazione per i bambini che li allontanta mentalmente da quel momento di condivisione che è il pasto. I bimbi dovrebbero essere concentrati solo nel pasto.

Se rifiuta un cibo non insistete

Se rifiuta un cibo in particolare non insistete ma proponetelo al pasto successivo, magari cambiandogli forma ed aspetto. Per esempio le verdure, solitamente rifiutate dai più piccoli, possono essere trasformate in appetitose polpettine.

Coinvolgeteli nella preparazione del pasto

Coinvolgere i bambini nella preparazione del pasto e anche nell’apparecchiare la tavola, li renderà protagonisti e ben predisposti a consumare il cibo da loro cucinato.

Mantenere la calma 

Quando ci si trova di fronte a dei capricci a tavola, bisognerebbe mantenere la calma il più possibile. Sorvolare il momento con qualche distrazione sarà più funzionale che costringerli a mangiare.

Lasciategli toccare il cibo

Per i bambini toccare il cibo che portano alla bocca è fondamentale. Loro di solito, mangiano sempre ciò che prendono da soli.

Consultatelo circa il gusto dei cibi

Chiedere un parere sul gusto del pasto che gli viene proposto lo metterà al centro dell’attenzione e spesso servirà per farglielo consumare senza problemi.

Variare la proposta dei cibi 

Variare spesso il menu, sarà il segreto per fargli sperimentare diversi gusti e consistenze e in questo modo, il bambino comincerà a formare un proprio gusto personale e vivrà il cibo come un’esperienza positiva e non un’imposizione.

->>>GUARDA ANCHE: 

Desideri ‘mangiare di baci’ il tuo bambino? I motivi della scienza

Bimbi dimenticati in auto: slitta l’obbligo dei sistemi anti abbandono

I tuoi figli non dovrebbero mai più sedersi in questa posizione

I figli fanno invecchiare il Dna delle madri di 11 anni

Cestino dei tesori montessoriano, cosa è e come realizzarlo

Aggressività nei bambini piccoli: fattori di influenza e comportamenti

Come curare la dermatite da pannolino al neonato: cause e rimedi

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI