Home Maternità Salute La regola dei tre minuti, migliora la comunicazione con i bambini

La regola dei tre minuti, migliora la comunicazione con i bambini

CONDIVIDI

Ogni giorno i bambini vivono delle lunghe separazioni dai genitori, la regola dei tre minuti sembra davvero migliorare la comunicazione tra genitori e bambini nel momento in cui ci si ritrova.

 

La regola dei tre minuti sembra essere il segreto per una buona e completa comunicazione con i nostri bambini, soprattutto con i più piccoli. Durante le giornate, genitori e figli, vivono delle separazioni causa soprattutto gli orari lavorativi dei genitori e le attività scolastiche dei piccoli. Proprio nel momento in cui ci si ricongiunge a loro dopo una lunga giornata, la regola dei tre minuti sembra fare la differenza. 

->POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: La felicità dei bambini dipende da quella dei genitori

Nel momento in cui ci si ritrova a prendere il bambino a scuola o si torna a casa dopo averlo lasciato con una nonna o con una baby sitter, dedicare loro 3 minuti di tempo assolutamente esclusivi ci regalerà una comunicazione aperta, completa e soddisfacente per entrambi.

Se vuoi restare sempre aggiornato sulla categoria maternità, clicca qui!

Come funziona la regola dei tre minuti con i nostri figli

mamma e figlia

 

Quando a fine giornata ci si riunisce ai nostri figli, secondo le ultime ricerche in psicologia, i primi tre minuti di tempo a loro dedicati sono importantissimi. In questo breve lasso di tempo, i bambini sarebbero ben predisposti al dialogo e alla comunicazione con i genitori. Il segreto sta nell’intensità emotiva con la quale si accoglie il bimbo dopo la separazione, essa infatti lo spingerà ad aprirsi e a raccontare tutto ciò che ha vissuto durante la giornata scolastica o con la nonna o la babysitter.

Tre minuti in cui il bambino sarebbe ben disposto a parlare e a raccontare anche i minimi particolari delle situazioni vissute lontano dei genitori, soprattutto se poi i genitori si dimostrano interessati a lui e se si mettono letteralmente al suo livello. In questi primi tre minuto il bambino comunica tutte le informazioni registrate nel suo cervello.

Se si ignora la regola dei tre muniti il bambino, che non avrà la possibilità di raccontare tutto ciò gli è successo mentre era lontano dai genitori, sarà portato ad omettere tutti i particolari e a far scendere la qualità della comunicazione e col tempo i particolari raccontati potrebbero del tutto essere omessi dal piccolo. Questa regola non propone di passare soltanto 3 minuti giornalieri a stretto contatto con un figlio, ma dedicare a lui tre minuti di attenzione assoluta quando li rivediamo.

(Fonte: curiosandosiimpara)

->>>GUARDA ANCHE: 

Desideri ‘mangiare di baci’ il tuo bambino? I motivi della scienza

Bimbi dimenticati in auto: slitta l’obbligo dei sistemi anti abbandono

I tuoi figli non dovrebbero mai più sedersi in questa posizione

I figli fanno invecchiare il Dna delle madri di 11 anni

Cestino dei tesori montessoriano, cosa è e come realizzarlo

Aggressività nei bambini piccoli: fattori di influenza e comportamenti

Come curare la dermatite da pannolino al neonato: cause e rimedi

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI